Il nuovo porto leva le ancore

Gambarogno

Firmato con le Officine Ghidoni l’appalto più importante per la realizzazione dell’opera – La messa in servizio della struttura prevista per il 2024

Il nuovo porto leva le ancore
La struttura avrà a disposizione 280 posti barca. © CdT/Archivio

Il nuovo porto leva le ancore

La struttura avrà a disposizione 280 posti barca. © CdT/Archivio

L’appalto più importante per il nuovo porto del Gambrogno è stato firmato con le Officine Ghidoni di Riazzino. L’appalto, per un importo di 6,7 milioni (IVA esclusa), concerne la realizzazione degli ancoraggi a lago. «Dopo il referendum dell’aprile 2019 i lavori erano stati ripresi con la realizzazione della scogliere artificiale da parte della ditta Matteo Muttoni Costruzioni di Bellinzona, ditta alla quale è pure stato appaltato il contratto per la realizzazione del molo frangiflutti per un importo di 4,25 milioni (sempre IVA esclusa)», si legge in una nota del Comune. «Gli importi citati rispettano il costo delle parti d’opera descritte a preventivo e votate dal Consiglio comunale».

Parallelamente le Officine Ghidoni – affiancate dai progettisti dello studio d’ingegneria Sciarini – hanno sviluppato il progetto esecutivo con i propri partner commerciali che si occuperanno delle palificazioni (Implenia Svizzera) e dei lavori subacquei (Nautilus S.r.l.). «Questo era un passo imprescindibile per arrivare alla firma del contratto.

Inaugurazione tra 4 anni
«I lavori commissionati alle Officine Ghidoni dureranno fino all’inizio dell’anno 2022. Seguirà poi la realizzazione del molo frangiflutti e dell’edificio a terra. La messa in servizio di tutte le strutture del Porto è prevista nella primavera del 2024», conclude la nota. «È ora possibile riprendere i contatti con l’utenza privata e i cantieristi per l’occupazione dei 280 posti a disposizione».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2

    «Il burkini è solo un costume da bagno»

    Locarno

    La minoranza della Legislazione è contraria all’introduzione del divieto di indossare l’indumento femminile - Si tratterebbe di un problema inesistente, meglio sarebbe dedicarsi, sia a livello politico che sociale, alla diffusione della visione occidentale della donna

  • 3

    La truffano in amore e lei fa sparire un milione al lavoro

    processo

    Alla sbarra una contabile della regione che nel 2017 sottrasse fondi aziendali per girarli al suo «fidanzato virtuale» - Dopo l’arresto ammise i fatti, ma non tutta la cifra contestatale dal procuratore che chiede tre anni di reclusione in parte sospesi

  • 4

    Anche le macchine hanno preso il virus

    Bilancio

    La pandemia ha pesantemente colpito il settore con una contrazione delle vendite a livello cantonale del 26% – La voglia di comperare è tornata ma ora le vetture scarseggiano perché mancano i pezzi prodotti in varie parti del mondo – Successo per AutoIn che ha voluto dare una scarica al mercato

  • 5
  • 1
  • 1