Il patrimonio arboreo non è sotto attacco

Locarno

Il Municipio spiega che negli ultimi 10 anni sono state messe a dimora 376 nuove piante – Un numero di sei volte maggiore rispetto a quelle eliminate – Tutto viene oggi monitorato grazie al programma 3Trees

Il patrimonio arboreo non è sotto attacco
Importante il patrimonio arboreo della Città di Locarno. © CdT/Archivio

Il patrimonio arboreo non è sotto attacco

Importante il patrimonio arboreo della Città di Locarno. © CdT/Archivio

«Fa più rumore un albero che cade di un’intera foresta che cresce». È con questa citazione del filosofo cinese Lao Tzu, che il Municipio di Locarno risponde all’interrogazione di Simone Merlini (PLR) e Simone Beltrame (PPD), che chiedono di «Pubblicare all’albo comunale della Città il prospettato taglio degli alberi». Un richiesta, quella dei due consiglieri comunali, che l’Esecutivo non sposa, ritenendo piuttosto di operare come in passato, affidandosi a comunicati stampa puntuali. Il motivo principale è da ricondurre al fatto che «non tutti gli interventi sono pianificabili a priori». Il taglio urgente di due tigli nei giardini Rusca, ad esempio, è stato necessario a causa del marciume delle piante, venuto alla luce durante la potatura invernale, quando un grosso ramo è caduto rischiando...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 1