L’iniziativa «Salva Monte Brè» al vaglio del Consiglio comunale di Locarno

Territorio

Spetta ora al Legislativo esprimersi sulla richiesta popolare di tutelare il comparto collinare da un’eventuale speculazione edilizia

L’iniziativa «Salva Monte Brè» al vaglio del Consiglio comunale di Locarno
(fotopedrazzini.ch)

L’iniziativa «Salva Monte Brè» al vaglio del Consiglio comunale di Locarno

(fotopedrazzini.ch)

LOCARNO – L’iniziativa popolare comunale promossa dall’associazione Salva Monte Brè per scongiurare la costruzione del prospettato maxi resort da parte di un gruppo di imprenditori privati è ora al vaglio del Consiglio comunale di Locarno. Dopo aver annunciato l’intenzione di istituire una zona di pianificazione a tutela del comparto collinare, il Municipio cittadino, come anticipato dal sindaco Alain Scherrer nei giorni scorsi al CdT, ha sottoposto oggi il relativo testo al Legislativo nella stessa forma generica stilata dai suoi promotori (quindi senza messaggio di accompagnamento o particolari proposte). La Legge organica comunale in questi casi prevede che il Legislativo si esprima sulla questione sottopostagli, sia attraverso un’elaborazione dell’iniziativa stessa, sia con l’eventuale presentazione di un controprogetto da sottoporre al voto popolare. Nel presentare l’iniziativa (con le sue 1.868 firme valide) al Consiglio comunale il Municipio ribadisce di «voler approfondire seriamente il tema per individuare una soluzione di buon equilibrio tra lo sviluppo e la protezione del territorio, come sempre è stata sua intenzione».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Quei conti a pareggio che dividono la Gestione

    Locarno

    I due commissari del PS propongono di respingere il messaggio sul Preventivo 2020 – I risultati presentati dalla Città sarebbero falsati da diverse questioni sulle quali pendono dei ricorsi – La maggioranza promuove invece l’Esecutivo per aver contenuto le spese mantenendo i servizi

  • 2
  • 3
  • 4

    L’agricoltura in città costa poco e frutta molto

    Locarno

    Presentati i risultati del Progetto mais grazie al quale si è coltivato un arido terreno di 100 metri quadrati – Nel secondo anno di sperimentazione è stato prodotto l’equivalente del fabbisogno calorico di un adulto per 50 giorni

  • 5
  • 1
  • 1