La Città vuol fare sua la maggioranza della Kursaal SA

Locarno

Il Municipio approva una richiesta di credito di 3 milioni per acquisire il pacchetto azionario detenuto dall’OTR – Secondo l’Esecutivo la proposta risolverebbe la vertenza su affitti e fondazioni – Ventilato un risanamento dell’edificio

La Città vuol fare sua la maggioranza della Kursaal SA
Per risanare e ampliare l’edificio, conservando le parti originale, occorrerebbero circa 15,4 milioni di franchi. ©Ti-Press

La Città vuol fare sua la maggioranza della Kursaal SA

Per risanare e ampliare l’edificio, conservando le parti originale, occorrerebbero circa 15,4 milioni di franchi. ©Ti-Press

È un punto della città dove, negli ultimi anni, si è concentrato un vero e proprio incrocio di conflitti. A partire da quello fra la Kursaal SA, proprietaria dell’edificio, e la Casinò Locarno SA, che gestisce la casa da gioco. La vertenza fra le due riguardava l’importo dell’affitto degli spazi (attualmente stabilito in 1 milione di franchi all’anno). Una cifra che la Casinò chiedeva di ritoccare verso il basso, senza però riuscire a trovare un accordo con la controparte. Da qui le decisione di bloccare i versamenti alla Fondazione per il turismo e a quella per la cultura (i cui scopi sono chiariti dai nomi, con la seconda particolarmente concentrata a sostenere l’attività del teatro cittadino, che nello stesso edificio ha sede). Uno scontro protrattosi per lungo tempo e apparentemente senza...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Sembra andare meglio alle «Maldive di Milano»

    Territorio

    La Fondazione Verzasca valuta positivamente l’effetto delle misure introdotte a metà luglio per gestire il forte afflusso di visitatori: «II nostro messaggio è stato recepito» - Secondo Alessandro Speziali i residenti hanno capito che senza turismo la valle non ha un futuro - LE FOTO

  • 2
  • 3

    Prendono vita le opere di Vincenzo Vela

    Arte

    Riproduzione in 3D delle sculture a Locarno e Giornico grazie all’iniziativa di Philippe Antonello e Stefano Montesi e in onore del bicentenario della nascita

  • 4

    Sarà mica un sole quello: «Che degrado»

    LOCARNO

    Interrogazione interpartitica sull’astrovia, il percorso che si snoda dalla Città per arrivare fino a Tegna, lungo le rive della Maggia - Con degli «interventi semplici» si può rimediare alle condizioni di «deterioramento» nelle quali si trova la passeggiata di 6 chilometri

  • 5
  • 1
  • 1