turismo

Là dove dormivano i pastori oggi riposano gli escursionisti

Successo, in valle di Lodano, per la riconversione in struttura ricettiva degli edifici dell’Alpe Canaa - E sull’onda della candidatura all’UNESCO delle antiche faggete del comparto, l’interesse cresce e il Patriziato amplierà il rifugio

Là dove dormivano i pastori oggi riposano gli escursionisti
A sinistra gli edifici, già risanati, che saranno ristrutturati; a destra, il diroccato che sarà ricostruito. (foto Patriziato Lodano)

Là dove dormivano i pastori oggi riposano gli escursionisti

A sinistra gli edifici, già risanati, che saranno ristrutturati; a destra, il diroccato che sarà ricostruito. (foto Patriziato Lodano)

VALMAGGIA - I racconti alpestri di Plinio Martini sono spesso percorsi da una vena di malinconia: cronache di un mondo che già allora stava scomparendo e che oggi non esiste più. Eppure nella valle di Lodano c’è un alpeggio che, dopo esser morto, sta vigorosamente rinascendo dalle proprie ceneri. In un primo tempo dalle vecchie rovine si era tratto un nuovo spazio destinato ad ospitare...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Locarno
  • 1
    Ascona

    «Gusta il Borgo» torna insaporito di novità

    L’ottava edizione della passeggiata enogastronomica promossa dagli Amis da la forchéta si terrà il 31 agosto con una tappa in più – Le iscrizioni aprono il 22 luglio – Il presidente: «Benvenuti ai vegetariani»

  • 2
    Territorio ed edilizia

    Locarno: il Monte Brè sarà salvaguardato

    Tenuto conto dell’iniziativa popolare lanciata contro la prospettata costruzione di un maxi resort, il Municipio cittadino ha deciso di istituire una zona di pianificazione nel comparto

  • 3
    Viabilità

    In autunno i primi lavori sulla Statale 34 del Lago Maggiore

    A Locarno incontro informativo fra i referenti italiani e gli interessati sul versante svizzero con l’obiettivo di mettere a punto una strategia per la mobilità durante i cantieri - Da ottobre interventi di pulizia dei pendii e l’anno prossimo via alla realizzazione della galleria dove cadde la frana del 2017

  • 4
  • 5
  • 1