Conferenza

La lunga marcia per il suffragio femminile in Ticino e in Svizzera

Oggi al Liceo di Locarno vengono rievocate le storie e l’operato delle donne che si sono battute affinché Ticino e Svizzera riconoscessero i loro diritti politici

La lunga marcia per il suffragio femminile in Ticino e in Svizzera
(Foto Maffi)

La lunga marcia per il suffragio femminile in Ticino e in Svizzera

(Foto Maffi)

LOCARNO - La Società Storica Locarnese propone al Liceo di Locarno un’esposizione e una conferenza che ripercorrono «la lunga marcia per il suffragio femminile in Ticino e in Svizzera (1969-1971)». Riflettori puntati, dunque, sulle «pioniere» della politica cantonale e nazionale, sulle donne che si sono battute con coraggio e perseveranza affinché venissero loro riconosciuti i diritti politici. Oggi – 14 febbraio –, alle 18, nell’aula multiuso del Liceo cittadino la professoressa Susanna Castelletti rievocherà le figure e l’operato delle «pioniere». Lo farà illustrando il contesto nazionale che ha accompagnato la lotta suffragista, per poi porre l’accento sulla cronologia cantonale e approfondire, quindi, il clima legato alle campagne di sensibilizzazione e i profili delle donne coinvolte.

La vita e le opere delle 11 prime donne elette nel Gran Consiglio ticinese nel 1971 possono essere ripercorse, come detto, anche attraverso la mostra allestita negli spazi del Liceo cantonale di Locarno in collaborazione con l’Associazione Archivi Riuniti delle Donne Ticino, promotrice del progetto «Tracce di Donne». L’esposizione è visitabile fino a sabato 15 febbraio.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
    giumaglio

    Stop alla festa ma ancora nessun arresto

    Dopo il pestaggio di sabato gli organizzatori del carnevale estivo ne hanno deciso la sospensione - Intanto prosegue l’inchiesta, che non ha ancora individuato i presunti colpevoli della violenza - In queste ore interrogatori a tappeto

  • 5
    Carnevale estivo

    Migliorano le condizioni del giovane picchiato a Giumaglio

    Il 17.enne dovrebbe lasciare a breve il reparto di cure intensive - Intanto continuano a rincorrersi gli interrogativi sulla dinamica dei fatti e sulle responsabilità dei presunti colpevoli - Sul posto, sottolineano gli organizzatori, erano presenti fra le 450 e le 500 persone

  • 1