La politica riparte dal Palexpo

Locarno

Dopo il lockdown torna a riunirsi il Consiglio comunale con un credito di 1,5 milioni legato alla COVID-19 – Ma per garantire la distanza tra i partecipanti si lascia Palazzo Marcacci a vantaggio della grande sala alla Morettina

La politica riparte dal Palexpo
Per garantire le distanze tra i consiglieri la seduta si terrà al Palexpo. © CdT/Archivio

La politica riparte dal Palexpo

Per garantire le distanze tra i consiglieri la seduta si terrà al Palexpo. © CdT/Archivio

Dopo l’ultima seduta, che si era svolta a inizio marzo nella sala della SES per garantire la distanza sociale imposta dall’emergenza coronavirus, tornerà presto a riunirsi il Consiglio comunale di Locarno. Il presidente del Legislativo Mauro Silacci (PLR), in accordo con il Municipio e con i vari gruppi politici, ha infatti fissato la riunione per lunedì 15 giugno alle 20.15. Ancora una volta, però, teatro della seduta consiliare non sarà Palazzo Marcacci, bensì il Palexpo (ex FEVI). «A marzo avevamo dovuto spostare le seduta all’ultimo minuto, ricevendo un grande aiuto dalla SES», spiega lo stesso Silacci. Ma ora c’è tempo per organizzarsi. «Così abbiamo optato per il Palexpo. Un luogo ideale, perché di proprietà del Comune e dalle dimensioni tali da permettere la necessaria distanza tra i...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 1