La STAN boccia la passerella sul Lago Maggiore

Il sodalizio: "Il progetto non risponde a nessun interesse preponderante, né turistico, né della popolazione locale"

La STAN boccia la passerella sul Lago Maggiore
La passerella realizzata sul lago d'Iseo

La STAN boccia la passerella sul Lago Maggiore

La passerella realizzata sul lago d'Iseo

LOCARNO - Tra le onde critiche che si sono scagliate sulla passerella galleggiante con cui si vorrebbe collegare Ascona e le Isole di Brissago, vi è anche quella formata dalle osservazioni della Società Ticinese per l'Arte e la Natura (STAN) con sede a Locarno. Osservazioni sottoscritte anche dall'associazione madre Schweizer Heimatschutz (SHS) di Zurigo e dalla Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio (FP) di Berna e con cui si chiede di rinunciare alla realizzazione del «collegamento pedonale" sul Lago Maggiore. "Un progetto del genere non dovrebbe mai essere approvato poiché non corrisponde a un interesse preponderante, né turistico né della popolazione locale". Secondo STAN, SHS e FP "con un simile progetto si deturperebbe uno dei più attraenti siti panoramici del Ticino e si distruggerebbe l'atmosfera di una isola che, di fatto, affascina proprio per la sua immanente condizione insulare".

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Locarno