La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo

Manifestazione

Il 29. Pentathlon del boscaiolo è stato vinto sabato dal locarnese Claudio Groppengiesser - Il trofeo per la miglio squadra è andato ai Wald Verzasca - GUARDA LE FOTO

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo
I vincitori del concorso di sculture con la motosega con la loro opera denominata «Le maldive di Sonogno». (Foto A. Guglielmetti)

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo

I vincitori del concorso di sculture con la motosega con la loro opera denominata «Le maldive di Sonogno». (Foto A. Guglielmetti)

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo
Vincitori concorso a squadre: Wald Verzasca. (Foto A. Guglielmetti)

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo

Vincitori concorso a squadre: Wald Verzasca. (Foto A. Guglielmetti)

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo
Il campione ticinese Claudio Groppengiesser. (Foto A. Guglielmetti)

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo

Il campione ticinese Claudio Groppengiesser. (Foto A. Guglielmetti)

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo

È stato il locarnese Claudio Groppengiesser ad aggiudicarsi il titolo di campione ticinese del 29. Pentathlon del boscaiolo mentre il trofeo nella categoria a squadre è andato ai «Wald Verzasca».

La manifestazione si è tenuta sabato 14 settembre a Sonogno, la manifestazione itinerante organizzata da BoscoTicino (Associazione dei proprietari boschivi) quest’anno è stata presentata in collaborazione con la Fondazione Verzasca, i comuni Verzaschesi e i Patriziati Verzasca e Piano.

La Val Verzasca ha portato fortuna a Claudio Groppengiesser perché, come nel lontano 2004 quando vinse l’edizione di Frasco, nella gara individuale è salito sul gradino più alto del podio con 310 punti superando sul filo di lana il suo ex apprendista Yan Pasta (307 punti) e Gioele Pellegrini (299 punti) giunto terzo. Moreno Wildhaber è risultato il miglior Verzaschese ed è stato premiato con una gerla stracolma di prodotti locali dalla offerti dalla Fondazione Verzasca.

A livello del concorso a squadre, quella di casa dei Wald Verzasca (829 punti) ha vinto il titolo superando i Chi dal Grop (806 punti) e l’Afor Valli di Lugano (805 punti) classificatasi terza.

Nel concorso riservato agli apprendisti, sponsorizzato dal Dipartimento del Territorio, il titolo è stato vinto da Michael Dedini (271 punti), davanti a Francesco Antonioli (244 punti) e Dennis Slatcha (217 punti). Per i premi speciali si segnala che il premio Giuseppe Bontà, offerto dall’Associazione del personale forestale (APF) è andato a pari merito a Michael Dedini e Francesco Antonioli che hanno primeggiato nella prova della sramatura, mentre il premio offerto dall’associazione Accademici e ingegneri forestali della svizzera italiana (AIFSI) ha premiato Dennis Slatcha risultato il miglior apprendista nella prova del taglio di precisione.

Tra le squadre ospiti gli amici di Winterthur hanno prevalso sulle squadre “Valbossa” di Varese e la squadra dei “Walliser Borkis” provenienti dal Goms.

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2

    Prende forma il futuro delle funivie centovalline

    Concorso

    Il progetto «Umbrela» dell’architetto Francesco Buzzi si aggiudica il concorso per la Verdasio-Rasa – Il rinnovo completo delle strutture comporta un investimento di 11,7 milioni di franchi – L’iter rallentato dal coronavirus

  • 3

    La politica riparte dal Palexpo

    Locarno

    Dopo il lockdown torna a riunirsi il Consiglio comunale con un credito di 1,5 milioni legato alla COVID-19 – Ma per garantire la distanza tra i partecipanti si lascia Palazzo Marcacci a vantaggio della grande sala alla Morettina

  • 4

    Corse ogni 30 minuti tra Locarno e Intragna

    Ferrovia

    Firmato un accordo tra le FART e l’Ufficio federale dei trasporti che rientra nel progetto di rinnovo e potenziamento della rete delle Centovalli e di quella nazionale

  • 5

    Lifting per il simbolo dell’idroelettrico

    Locarno

    Restauro da 14,5 milioni di franchi in vista per la sede amministrativa dell’OFIMA – L’edificio risale agli anni Sessanta ed è stato firmato dal rinomato architetto Paolo Mariotta – Struttura innovativa per la sua epoca, è oggi un bene culturale protetto a livello cantonale

  • 1
  • 1