La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo

Manifestazione

Il 29. Pentathlon del boscaiolo è stato vinto sabato dal locarnese Claudio Groppengiesser - Il trofeo per la miglio squadra è andato ai Wald Verzasca - GUARDA LE FOTO

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo
I vincitori del concorso di sculture con la motosega con la loro opera denominata «Le maldive di Sonogno». (Foto A. Guglielmetti)

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo

I vincitori del concorso di sculture con la motosega con la loro opera denominata «Le maldive di Sonogno». (Foto A. Guglielmetti)

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo
Vincitori concorso a squadre: Wald Verzasca. (Foto A. Guglielmetti)

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo

Vincitori concorso a squadre: Wald Verzasca. (Foto A. Guglielmetti)

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo
Il campione ticinese Claudio Groppengiesser. (Foto A. Guglielmetti)

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo

Il campione ticinese Claudio Groppengiesser. (Foto A. Guglielmetti)

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo

È stato il locarnese Claudio Groppengiesser ad aggiudicarsi il titolo di campione ticinese del 29. Pentathlon del boscaiolo mentre il trofeo nella categoria a squadre è andato ai «Wald Verzasca».

La manifestazione si è tenuta sabato 14 settembre a Sonogno, la manifestazione itinerante organizzata da BoscoTicino (Associazione dei proprietari boschivi) quest’anno è stata presentata in collaborazione con la Fondazione Verzasca, i comuni Verzaschesi e i Patriziati Verzasca e Piano.

La Val Verzasca ha portato fortuna a Claudio Groppengiesser perché, come nel lontano 2004 quando vinse l’edizione di Frasco, nella gara individuale è salito sul gradino più alto del podio con 310 punti superando sul filo di lana il suo ex apprendista Yan Pasta (307 punti) e Gioele Pellegrini (299 punti) giunto terzo. Moreno Wildhaber è risultato il miglior Verzaschese ed è stato premiato con una gerla stracolma di prodotti locali dalla offerti dalla Fondazione Verzasca.

A livello del concorso a squadre, quella di casa dei Wald Verzasca (829 punti) ha vinto il titolo superando i Chi dal Grop (806 punti) e l’Afor Valli di Lugano (805 punti) classificatasi terza.

Nel concorso riservato agli apprendisti, sponsorizzato dal Dipartimento del Territorio, il titolo è stato vinto da Michael Dedini (271 punti), davanti a Francesco Antonioli (244 punti) e Dennis Slatcha (217 punti). Per i premi speciali si segnala che il premio Giuseppe Bontà, offerto dall’Associazione del personale forestale (APF) è andato a pari merito a Michael Dedini e Francesco Antonioli che hanno primeggiato nella prova della sramatura, mentre il premio offerto dall’associazione Accademici e ingegneri forestali della svizzera italiana (AIFSI) ha premiato Dennis Slatcha risultato il miglior apprendista nella prova del taglio di precisione.

Tra le squadre ospiti gli amici di Winterthur hanno prevalso sulle squadre “Valbossa” di Varese e la squadra dei “Walliser Borkis” provenienti dal Goms.

La Val Verzasca incorona il miglior boscaiolo
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Una meraviglia nascosta nel cuore del borgo

    Papio

    Mentre prende forma la nuova mensa del collegio asconese, si pensa anche al giardino – Riqualifica in vista per la preziosa area verde seicentesca, un unicum a livello ticinese

  • 2

    Sempre più cure a casa

    Preventivo

    Attività in crescita nel 2020 per l’aiuto domiciliare locarnese e valmaggese – Le ore di prestazioni erogate saliranno a 140.000 interessando il 3% dei residenti

  • 3

    Da forbici e bigodini al volante dei giganti blu

    La storia

    Marijana Bardak, una delle tre donne conducenti sui bus delle FART, si racconta - Intanto l’azienda è alla ricerca di 50 candidati pronti a guidare i nuovi veicoli che arricchiranno la sua flotta

  • 4
  • 5

    A Locarno, una passeggiata più confortevole

    Mobilità lenta

    Diversi interventi di ammodernamento in vista per il passaggio di via San Jorio – Un restyling da 410.000 franchi che prevede migliorie sul fronte dell’illuminazione, dell’arredo e non solo

  • 1
  • 1