La Verzasca mette la mascherina

Pasqua

In previsione del forte afflusso turistico in valle per le imminenti festività, il Municipio introduce l’obbligo di portare la protezione del viso in alcune zone sensibili

La Verzasca mette la mascherina
L’obbliga scatta nella zona del ponte di Lavertezzo e in altre aree gettonate della valle. © CdT/Archivio

La Verzasca mette la mascherina

L’obbliga scatta nella zona del ponte di Lavertezzo e in altre aree gettonate della valle. © CdT/Archivio

Anche in Valle Verzasca, meta turistica privilegiata durante le giornate di bel tempo, entra in vigore l’obbligo della mascherina all’aperto. Il Municipio, in previsione di accogliere un elevato flusso di persone durante le festività pasquali, ha infatti deciso di introdurre questa misura, a partire da venerdì 2 aprile, in alcune aree pubbliche.
«Per tutelare la salute della popolazione residente, oltre che quella dei visitatori», l’Esecutivo spiega che l’obbligo si estenderà in particolare al comparto circostante il Ponte dei Salti di Lavertezzo, alla terrazza del Centro sociale di Brione Verzasca e, a Sonogno, alla fermata dell’Autopostale sul posteggio pubblico, alla piazza e alla via Strada dal Fórn. Le zone toccate dalle misure saranno debitamente segnalate grazie specifici cartelloni. «In generale il Municipio raccomanda l’utilizzo della mascherina anche in altre aree e, in particolare, in caso di assembramenti», continua la nota. I servizi di polizia vigileranno sul rispetto di tale misura con controlli puntuali, privilegiando il dialogo e la sensibilizzazione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2

    Prospettive orizzontali per il centro balneare

    Vallemaggia

    Viene dalla Spagna il progetto per la piscina coperta e l’area di svago di Bignasco, frazione di Cevio - Il sindaco Martini: «L’architetto di Madrid ci ha convinto per la sua visione lineare e non invasiva»

  • 3

    Il festival della scienza è solamente online

    APPUNTAMENTO

    Ascona: la manifestazione divulgativa per scuole e famiglie, dopo l’annullamento dell’anno scorso a causa della pandemia, ritorna esclusivamente sul sito con una serie di filmati, tutoring, esperimenti e altre sorprese

  • 4

    «Siamo ancora in corsa per il velodromo?»

    PROGETTO

    Losone, il gruppo PPD-GG in Consiglio comunale sollecita il Municipio sulla futura struttura e sulle possibilità di ospitarla all’ex Caserma, visto che allo stato attuale sembra essere in vantaggio l’ipotesi dell’ex cartiera di Tenero-Contra

  • 5

    La clinica Santa Chiara contro il Cantone: «Rimborso o fallimento»

    costi covid

    La struttura locarnese, inclusa nella rete di istituti sanitari in prima linea nella lotta contro il coronavirus, chiede a Bellinzona il risarcimento delle spese dovute alla pandemia: 2,6 milioni di franchi - In caso contrario le conseguenze per l’ospedale potrebbero essere gravi - A darne notizia è il Caffè

  • 1
  • 1