Le Bianche Casacche rinate dalle loro ceneri

FC Locarno

Mentre si avvia verso la fase conclusiva il fallimento della «vecchia» società, il rinato club verbanese è in gran forma – Il presidente Debernardi: «Stiamo riconquistando pubblico e sostenitori»

Le Bianche Casacche rinate dalle loro ceneri
Per Sergio Debernardi l’obiettivo è di raggiungere almeno la Seconda Lega regionale o interregionale. ©CdT/Chiara Zocchetti

Le Bianche Casacche rinate dalle loro ceneri

Per Sergio Debernardi l’obiettivo è di raggiungere almeno la Seconda Lega regionale o interregionale. ©CdT/Chiara Zocchetti

Il Locarno è morto, lunga vita al Locarno! Mentre va concludendosi la procedura di fallimento della «vecchia» società anonima che reggeva le sorti della prima squadra di calcio cittadina (vedi CdT di venerdì scorso), a due anni dalla disfatta economica, che ha messo fine a una storia sportiva percorsa ininterrottamente dal 1906, il nuovo FC Locarno è più vivo che mai. La nuova dirigenza, presieduta da Sergio Debernardi, ha come noto dovuto fare tabula rasa, ricominciando da zero con una prima squadra in Quinta Lega nella stagione 2018/2019. Ma le Bianche Casacche hanno subito rialzato la testa, raggiungendo la promozione al primo colpo e vincendo la Coppa Ticino di Quinta Lega. Oggi militano già in Quarta, primeggiando tra l’altro in classifica a punteggio pieno. Non solo, sebbene il percorso...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2
  • 3

    Una Pasqua da record mette in quota l’estate

    Cardada

    Oltre 5.600 passeggeri durante le ultime vacanze primaverili, ma anche i primi tre mesi invernali hanno fatto il pieno - Nessun contagio registrato tra i frequentatori degli impianti di risalita - Un fitto calendario di eventi già pronto in vista dell’allentamento delle misure sanitarie anti-COVID-19

  • 4

    «Per evitare la chiusura noi siamo pronti a mediare»

    Bosco Gurin

    Comune preoccupato dopo le decisioni del Patriziato e l’aut aut sugli impianti ribadito da Giovanni Frapolli - Il sindaco Alberto Tomamichel: «Ovviamente l’assemblea è sovrana ma forse una riflessione sul futuro è ancora possibile»

  • 5
  • 1
  • 1