Locarno migliora con te e ci mette molta energia

Riconoscimento

La Città ha ottenuto il rinnovo della certificazione che conferma l’impegno a favore di una politica esemplare e rispettosa dell’ambiente

Locarno migliora con te e ci mette molta energia
Nella politca energetica rientra anche la gestione della mobilità, che Locarno ha, fra l’altro, voluto migliorare varando il progetto di bike sharing. ©CdT/Chiara Zocchetti

Locarno migliora con te e ci mette molta energia

Nella politca energetica rientra anche la gestione della mobilità, che Locarno ha, fra l’altro, voluto migliorare varando il progetto di bike sharing. ©CdT/Chiara Zocchetti

Nelle scorse settimane la Città di Locarno ha avuto conferma del rinnovo della sua certificazione quale Città dell’energia, a seguito di una scrupolosa e specifica valutazione che ha confermato il “comportamento esemplare nell’ambito dell’implementazione dei suoi obiettivi di politica energetica”. Il Municipale responsabile Niccolò Salvioni: “Come Municipio siamo contenti della riconferma del certificato, ottenuto grazie al tenace impegno dell’Amministrazione comunale, della Commissione energia, anche in collaborazione con i Comuni vicini e la SES, e anche del Consiglio Comunale che continua a credere e sostenere politicamente l’utilità di queste misure volte a migliorare la vivibilità nella nostra Città-regione”.

Locarno fa parte dell’associazione Città dell’energia dal lontano 2007, ottenendo nel 2012 per la prima volta il marchio omonimo. Proprio nelle scorse settimane Locarno ha riconfermato per la terza volta lo status di Città dell’energia, con il punteggio di 66.4% in base allo specifico sistema di valutazione. Un risultato ottenuto grazie al costante impegno di Locarno in ambito di politica energetica e climatica a livello comunale.

Un marchio come Città dell’energia ha naturalmente valore soprattutto se l’impegno è rivolto anche al futuro: per la riconferma del label infatti, anche Locarno ha dovuto tra le altre cose presentare un piano di attività che indicasse cosa intende fare nei prossimi quattro anni nei vari settori e ambiti di competenza in cui la città ha un margine di manovra (diretto o indiretto) a livello miglioramento dell’efficienza energetica, di un maggiore uso di fonti rinnovabili e di una riduzione delle emissioni che alterano il clima. I settori sono molti e differenziati tra di loro: si va dalla pianificazione del territorio dal punto di vista energetico (ad esempio nella quantificazione e valorizzazione dei potenziali di calore, freddo o elettricità da fonti rinnovabili ed indigene) alla gestione, realizzazione e ammodernamento energeticamente efficiente del proprio parco immobiliare. O ancora dalla gestione e organizzazione della mobilità, sia dei dipendenti comunali stessi che per il comprensorio comunale nel suo insieme, per favorire sistemi e soluzioni più efficienti, moderne e in sintonia con la volontà di ripensare il nostro modo di spostare persone e merci, naturalmente con un occhio di riguardo per la mobilità lenta che in effetti in città è spesso più veloce delle forme tradizionali.

Anche l’organizzazione interna della città e la collaborazione, la comunicazione e gli incentivi per la popolazione e l’economia locale fanno parte dei settori valutati dal sistema di certificazione Città dell’energia, che non contraddistingue Comuni “perfetti”, ma Comuni che gradualmente assumono in pieno il loro ruolo e responsabilità in favore di un approvvigionamento energetico più consapevole e sostenibile, anche dal punto di vista del clima e dell’uso efficiente delle risorse. Lo slogan “Locarno migliora con te” che la città ha scelto di affiancare al logo Città dell’energia non è causale, ma indica appunto che un miglioramento nella direzione auspicata da molti è possibile solamente unendo gli sforzi delle istituzioni a quelli dell’economia e dei privati, quindi in fondo di tutti noi. Che questo sia l’approccio vincente lo dimostrano molti progetti che con costanza e a piccoli passi portano a miglioramenti tangibili, come quelli concernenti la mobilità pedonale e ciclabile, anche al di fuori dei confini comunali.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Sembra andare meglio alle Maldive di Milano

    Territorio

    La Fondazione Verzasca valuta positivamente l’effetto delle misure introdotte a metà luglio per gestire il forte afflusso di visitatori: «II nostro messaggio è stato recepito» - Secondo Alessandro Speziali i residenti hanno capito che senza turismo la valle non ha un futuro - LE FOTO

  • 2
  • 3

    Prendono vita le opere di Vincenzo Vela

    Arte

    Riproduzione in 3D delle sculture a Locarno e Giornico grazie all’iniziativa di Philippe Antonello e Stefano Montesi e in onore del bicentenario della nascita

  • 4

    Sarà mica un sole quello: «Che degrado»

    LOCARNO

    Interrogazione interpartitica sull’astrovia, il percorso che si snoda dalla Città per arrivare fino a Tegna, lungo le rive della Maggia - Con degli «interventi semplici» si può rimediare alle condizioni di «deterioramento» nelle quali si trova la passeggiata di 6 chilometri

  • 5
  • 1
  • 1