Locarno scrive all’USTRA: «Vent’anni d’attesa sono troppi»

Collegamento A2-A13

Presa di posizione del Municipio cittadino sulla «bocciatura» della semi-autostrada. «Traffico e accessibilità della regione devono essere una priorità assoluta»

Locarno scrive all’USTRA: «Vent’anni d’attesa sono troppi»
Inaccettabili per Locarno le «censure» dell’USTRA sul collegamento veloce A2-A13. ©CdT/Archivio

Locarno scrive all’USTRA: «Vent’anni d’attesa sono troppi»

Inaccettabili per Locarno le «censure» dell’USTRA sul collegamento veloce A2-A13. ©CdT/Archivio

Anche la Città di Locarno scende in campo a difesa del collegamento veloce A2-A13 dopo la recente presa di posizione pubblica dell’Ufficio federale delle strade (USTRA), che – anche sulla base di un parere dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) – rimette in discussione la sostanza del progetto denominato “Bozza Verde”, elaborato in più anni e condiviso con i vari attori locali e cantonali. Il Municipio ha deciso di scrivere all’USTRA per manifestare la propria delusione e auspicare la necessaria celerità nella risoluzione strutturale di un problema che si protrae da anni, penalizzando Locarno e il Locarnese tutto. Il sindaco Alain Scherrer e il capodicastero sviluppo economico e territoriale Nicola Pini, rappresentanti della Città nel Gruppo di accompagnamento politico del progetto, così spiegano la presa di posizione: «Il problema del traffico nel Locarnese e della sua accessibilità è una seria e assoluta priorità per tutto l’agglomerato, l’unico in Svizzera a non essere collegato alla rete autostradale. Esso incide sul turismo, sull’economia, sull’attrattiva, e soprattutto sulla vivibilità e la qualità di vita della nostra regione. Vedere vanificato un lungo e dispendioso lavoro di concerto, e sentire improvvisamente un orizzonte al 2044 è quantomeno deludente», sottolineano. Abbiamo quindi formalizzato in una lettera alcune delle perplessità già espresse nel Gruppo di accompagnamento politico, nella speranza che le autorità federali riesaminino la questione».
Già spesi 9,6 milioni

Il Municipio di Locarno negli scorsi giorni ha discusso la recente presa di posizione di USTRA in merito al progetto di collegamento veloce che interessa il tratto stradale A2 – A13 e che, dopo un lungo processo di condivisione sul territorio, potrebbe finalmente portare sollievo al problema del traffico nella regione e della sua accessibilità. Nelle scorse settimane infatti USTRA – appoggiandosi a una presa di posizione dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) – aveva comunicato una sostanziale rimessa in discussione del progetto, dopo che lo stesso era stato sottoposto alle autorità federali già 2 anni fa, e dopo un impiego delle risorse cantonali pari a 9.6 milioni di franchi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 1