Locarno si affida all’operatore sociale di prossimità

Violenza giovanile

Dopo l’ultima rissa di minori in Piazza Grande la città si muove preventivamente

Locarno si affida all’operatore sociale di prossimità
Per contrastare il disagio e la violenza giovanile Locarno mette in campo gli operatori di prossimità. ©CdT/Archivio

Locarno si affida all’operatore sociale di prossimità

Per contrastare il disagio e la violenza giovanile Locarno mette in campo gli operatori di prossimità. ©CdT/Archivio

La parola d’ordine sul disagio e la violenza giovanile a Locarno potrebbe essere «prevenire prima di reprimere». L’ultimo episodio, una rissa tra due gruppi di minorenni sabato sera in piazza Grande, che non ha avuto gravi conseguenze anche grazie al pronto intervento della polizia, ripropone all’ordine del giorno la problematica dei gruppi di giovani spesso ubriachi e rissosi che frequentano le sponde del Verbano - d’estate occupando il lungolago di Muralto, d’inverno piazza Castello e la Rotonda - soprattutto durante il fine settimana.Due nuove figure in campo

La città però non sta con le mani in mano, mettendo in campo una «task force» come il Gruppo operativo permanente sul disagio giovanile (GOP), composto dai rappresentanti di tre dicasteri, polizia, magistratura dei minorenni, direzioni...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    «Gli agenti saranno come amici sempre presenti nei quartieri»

    Polizia

    Illustrati gli obiettivi della cooperazione tra il corpo di Locarno e quello di Muralto: prossimità e copertura sulle 24 ore – La collaborazione diverrà effettiva dal primo di gennaio e, se tutto andrà per il meglio, tra due anni assumerà carattere definitivo

  • 2
  • 3

    Il futuro è già qui e l’albergo si accende

    Effetti speciali

    Inaugurata l’illuminazione natalizia del Grand Hotel di Muralto – Un cielo stellato in movimento per augurare buon Natale ai locarnesi e per sottolineare la volontà di rinascita

  • 4

    Locarno on Ice si sdoppia per «sfuggire» alla pandemia

    L’evento

    Inaugurata la rassegna invernale: divisi (e con regole diverse) la pista di ghiaccio e il villaggio con casette e igloo – Organizzatori e autorità: «Dopo la pausa forzata esserci di nuovo è prima di tutto un messaggio di rinascita e di speranza»

  • 5

    Il Vanilla annuncia lo stop: «È una decisione che prendiamo con dolore»

    RIAZZINO

    La discoteca, alla luce della situazione epidemiologica e delle restrizioni, ha deciso di chiudere – Dal punto di vista logistico non è possibile mettere a disposizione sufficienti posti a sedere e purtroppo non è neppure realistico riuscire a imporre l’uso della mascherina in una pista da ballo così grande e capiente – «Dobbiamo fare la nostra parte»

  • 1
  • 1