Malumore tra le bancarelle spostate ai giardini Pioda

Locarno

Gli ambulanti che animano il mercato di piazza Grande lamentano la scelta di trasferirli, durante il Festival, in un’area ridotta che impone l’uso di piccoli tavoli – Il municipale Bruno Buzzini: «Un sacrificio necessario, ma con la riqualificazione del centro avranno tutto lo spazio occorrente»

Malumore tra le bancarelle spostate ai giardini Pioda
Da oggi le bancarelle devono lasciare il salotto cittadino e accasarsi sino alla fine di agosto ai giardini Pioda. © CdT/Chiara Zocchetti

Malumore tra le bancarelle spostate ai giardini Pioda

Da oggi le bancarelle devono lasciare il salotto cittadino e accasarsi sino alla fine di agosto ai giardini Pioda. © CdT/Chiara Zocchetti

Spazi ridotti e bancarelle troppo piccole. C’è un certo malumore tra gli ambulanti che, regolarmente, animano il mercato di piazza Grande a Locarno. Un mercato che dovrà temporaneamente lasciare il salotto cittadino per lasciare spazio al Festival del film. Non è certo una novità. Anzi, una consolidata tradizione, che richiede un sacrificio, seppur limitato nel tempo (dal 22 luglio al 26 agosto). A creare malumore è però il fatto che, quest’anno, le bancarelle non potranno approfittare degli spazi dei giardini Rusca, ma solo di quelli – più limitati – dei giardini Pioda. E questo, stando a quanto confermato al CdT dallo stesso Comune, in sostanza perché la nuova pavimentazione adottata nei giardini Rusca, in calcestre, non potrebbe sopportare la posa di tavoli, bancarelle e così via. Pena danneggiarla....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Le antiche faggete patrimonio dell’UNESCO

    riconoscimento

    La foresta della Valle di Lodano è un esempio dello sviluppo ecologico rappresentato dall’espansione delle faggete su tutto il territorio europeo dopo l’ultima glaciazione

  • 2

    La musica rossocrociata domina nella Rotonda

    Festival

    Si riaccendono le luci sullo spazio di piazza Castello a Locarno, il cui palco per 16 giorni sarà calcato esclusivamente da artisti svizzeri – Per l’accesso serale sarà necessario disporre del certificato COVID-19

  • 3

    Risorto dalle sue ceneri il Locarno vuole fare di più

    Calcio

    Il neopresidente delle bianche casacche Mauro Cavalli traccia un bilancio positivo della rinascita societaria – Dopo quelli di Quinta e di Quarta ora l’obiettivo è vincere il campionato di Terza lega – Grandi sforzi anche per i giovani

  • 4

    Per undici giorni al centro della Storia

    Perle nascoste del Locarnese

    Sulle tracce dei protagonisti della Conferenza di pace di Locarno, che nel 1925 contribuì al breve periodo di distensione e di collaborazione tra le nazioni europee dopo la Prima guerra mondiale – Al Pretorio, fulcro dell’evento, una foto che ritrae i diplomatici al lavoro

  • 5

    Un albergo pronto a ruggire all’unisono col Pardo

    Cultura e turismo

    Grandi preparativi al Belvedere, partner-hotel che attende con ansia di poter riaccogliere i protagonisti del Locarno Film Festival – Il direttore: «La stagione 2020 è stata eccezionale, ma ci è molto mancata la speciale atmosfera della rassegna cinematografica»

  • 1
  • 1