Mogno, tutela per la chiesa di Mario Botta

Il Dipartimento del territorio l'ha inserita insieme al suo sagrato nell'inventario dei beni culturali di interesse cantonale - Le celebrazioni il 23 settembre

Mogno, tutela per la chiesa di Mario Botta

Mogno, tutela per la chiesa di Mario Botta

LAVIZZARA - La Chiesa di San Giovanni Battista a Mogno, inaugurata nel 1996 e disegnata dall'architetto Mario Botta, ha ricevuto la benedizione del Dipartimento del territorio, che l'ha inserita insieme al suo sagrato nell'inventario dei beni culturali di interesse cantonale. Per l'occasione, il DT, in collaborazione con il Comune di Lavizzara e la Fondazione Chiesa di Mogno-Fusio, organizza domenica 23 settembre un evento volto alla valorizzazione dell'opera e del suo legame con il territorio. Alle 10, proprio presso la Chiesa di San Giovanni Battista, verrà celebrata la Santa Messa da Monsignor Vescovo Valerio Lazzeri, con accompagnamento musicale a cura della Corale parrocchiale San Martino di Camorino. Dalle 11.15 seguirà il saluto istituzionale con gli interventi di Gabriele Dazio (sindaco del Comune di Lavizzara), Claudio Zali, (consigliere di Stato e direttore del Dipartimento del territorio), Davide Keller (presidente della Fondazione Chiesa di Mogno-Fusio) e di Mario Botta. I dettagli sul CdT del 14 settembre.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Locarno
  • 1
    Gordola

    Premiati i migliori apprendisti muratori

    Si è tenuta al centro di formazione professionale della Società svizzera impresari costruttori la 29. cerimonia di consegna del riconoscimento dedicato a Renato Antonini – Susanna Pifferini è la prima a ottenere il titolo federale al femminile

  • 2
  • 3
    Losone

    «Rinunciare alle uscite non sarebbe proporzionato»

    Dopo la revoca della quarantena per una classe delle medie, Giorgio Merlani riflette sulle passeggiate scolastiche – Il medico cantonale ricorda che il senso dei piani di protezione non è evitare la messa in isolamento ma ridurre i contatti

  • 4
    Il caso

    Quarantena non più necessaria alle Medie di Losone

    Dopo ulteriori accertamenti, l’Ufficio del medico cantonale ha ritenuto di poter permettere ai compagni dell’allievo risultato positivo ieri al coronavirus di riprendere le lezioni in presenza con effetto immediato

  • 5
  • 1