Nel cuore del Festival spuntano le Isole di Brissago

pardo

Per l’inizio della manifestazione cinematografica verrà allestita una vera e propria oasi in città accessibile al pubblico dal 4 al 14 agosto dalle 11 alle 22

Nel cuore del Festival spuntano le Isole di Brissago
© Dipartimento del territorio

Nel cuore del Festival spuntano le Isole di Brissago

© Dipartimento del territorio

Le Isole di Brissago saranno nel cuore del Locarno Film Festival con un suggestivo spazio espositivo allestito in Largo Franco Zorzi alle spalle della cornice di Piazza Grande. Lo comunica il Dipartimento del territorio in vista dell’imminente inizio della 74.esima edizione che andrà in scena dal 4 al 14 agosto.

Per l’occasione verrà allestita una vera e propria oasi in città, nella quale i visitatori avranno l’opportunità di cogliere, in un’area di venticinque metri quadrati, l’esperienza offerta dal comparto delle Isole di Brissago, vera perla del Lago Maggiore. Lo spazio espositivo sarà liberamente accessibile al pubblico dal 4 al 14 agosto, dalle ore 11.00 alle ore 22.00.

Le Isole di Brissago rappresentano un patrimonio paesaggistico, naturalistico e storico di inestimabile valore. L’Isola Grande è infatti sede di un rinomato Giardino botanico, che ospita oltre duemila specie provenienti dal Mediterraneo e dalle regioni subtropicali di tutti e cinque i continenti. L’unicità del Giardino botanico risiede soprattutto nella collezione di specie subtropicali e delle regioni a clima mediterraneo coltivate all’esterno in virtù del microclima delle Isole.

Tra le più recenti novità introdotte spicca l’offerta di visite guidate rivolte a ciechi e ipovedenti. Questa proposta si coniuga con gli obiettivi 4,10,11 e 17 dell’Agenda 2030 e rappresenta un complemento alle attività svolte negli scorsi anni dal DT nell’ambito dello sviluppo sostenibile e a favore di una sempre maggiore inclusione.

Si rammenta, inoltre, che la svolta attuata dal DT in seno all’attività di salvaguardia e di valorizzazione delle Isole di Brissago si traduce innanzitutto nel rinnovato impegno verso un aspetto di particolare importanza quale la divulgazione scientifica e didattica. Ciò avviene tramite attività organizzate in loco e visite guidate sia gratuite (giornaliere, della durata di 15 minuti e non prenotabili) che a pagamento (della durata di 60 minuti e prenotabili), grazie alle quali è possibile conoscere storie, leggende e curiosità legate alle Isole di Brissago e al Giardino botanico. Ai più piccoli viene proposta la classica “caccia al tesoro” con cui poter scoprire la ricchezza naturale e paesaggistica delle Isole. La mappa del tesoro è disponibile gratuitamente e si può ritirare alla cassa tutti i giorni dalle 10.00 alle 15.00.

Oltre alla caccia al tesoro, la vera novità di quest’anno consiste nell’introduzione di attività didattiche gratuite della durata di 30 minuti. I bambini, da soli o accompagnati dai genitori, possono così scoprire alcuni temi legati al mondo delle piante attraverso l’uso dei cinque sensi, dagli odori ai sapori e ai rumori.

Nel cuore del Festival spuntano le Isole di Brissago
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Tante soluzioni condivise che fanno sparire il confine

    Verbano

    Gambarogno e Luino presentano i primi risultati concreti e i prossimi obiettivi del progetto Interreg Smart Border – L’obiettivo dal quale si è partiti è quello di una mobilità sostenibile per risolvere il problema comune del traffico transfrontaliero

  • 2

    Tullio De Piscopo, il mago del ritmo

    AgendaSette

    Lunedì 20 settembre riparte l’attività del Jazz Cat Club di Ascona con il grande batterista italiano che ricorda l’amico Pino Daniele

  • 3

    Teatro Dimitri, 50 anni con il sorriso di un clown

    Verscio

    Domenica si festeggia il giubileo della struttura e della scuola fondata dall’artista asconese scomparso nel 2016 – Dalle 11 alle 18 su sei palcoscenici allestiti per l’occasione una non stop di musica, spettacoli e acrobazie per bambini e adulti

  • 4

    Due scrigni dalle sonorità degne di una sala per concerti

    Acustica

    Le chiese del Papio e di San Francesco non hanno nulla da invidiare agli spazi concepiti ad hoc per la musica – Uno dei migliori solisti al mondo entusiasta delle risonanze asconesi – A Locarno ottimi risultati con gli interventi di tre anni fa

  • 5
  • 1
  • 1