«No al mega-resort tra il Monte Brè e Cardada»

Città

Dall’associazione di quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne una presa di posizione contraria al progetto in via di definizione sulla montagna che sovrasta Locarno

«No al mega-resort tra il Monte Brè e Cardada»
Il Monte Brè ripreso dall’alto. (fotopedrazzini.ch)

«No al mega-resort tra il Monte Brè e Cardada»

Il Monte Brè ripreso dall’alto. (fotopedrazzini.ch)

LOCARNO – Quel progetto non s’ha da fare. Il Comitato dell’associazione di quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne esprime una posizione contraria al previsto mega-resort, che un team di investitori vorrebbe realizzare a Monte Brè, con un’estensione anche verso Colmanicchio/Cardada. Nella presa di posizione, inviata alla stampa, il comitato si fa portavoce di numerosi abitanti del comparto che fa capo all’associazione, soprattutto dei terrieri di Solduno che sul Monte Brè hanno diversi sedimi e proprietà. «Il no dell’associazione alla realizzazione di questo mega-resort tiene conto di una serie di argomentazioni portate avanti in particolare dal gruppo Salva Monte Bré, organismo costituitosi per difendere gli aspetti paesaggistici, ambientali ed ecologici della montagna che sovrasta Locarno», si legge nella nota inviata alla redazione. «A tal proposito, il comitato dell’associazione di quartiere ricorda come l’impatto negativo, che un progetto quale quello previsto genererebbe sulla montagna, sarebbe considerevole sotto diversi punti di vista». A cominciare da quello architettonico-edilizio, «con l’inserimento di infrastrutture poco compatibili e facilmente in netto contrasto con la tipicità locale». Si intravedono poi «inevitabili problemi generati dal traffico, tenendo in particolare conto del fatto che l’attuale strada carrabile non è concepita per grandi flussi e neppure per il viavai di mezzi pesanti nella fase di cantiere». A ciò si assocerebbero «i disagi creati dal rumore, dall’inquinamento, dall’incremento della produzione di rifiuti e dal completo e irreparabile snaturamento delle peculiarità e caratteristiche che determinano oggi la bellezza di questo quartiere della Città situato in quota». Non da ultimo, il comitato dell’associazione di quartiere pone anche l’accento sulle attuali norme di Piano regolatore. Norme che, per quanto è dato sapere, non risulterebbero in sintonia con l’inserimento del mega-resort e di tutti i suoi annessi. «Inoltre, occorrerebbe anche considerare che le attuali infrastrutture di servizio (condotte dell’acqua, distribuzione dell’elettricità, sicurezza incendi, ecc.) non sono verosimilmente calibrate per soddisfare le esigenze di un complesso come quello previsto», conclude la nota. «Da qui la presa di posizione contraria della nostra associazione e il pieno sostegno al Gruppo Salva Monte Bré di recente costituito».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2

    «Semkì per ascoltarvi: diteci cosa vi serve»

    Locarno

    Entra nel vivo la prima portineria di quartiere che sarà aperta in città dall’Associazione Rusca e Saleggi – Durante il mese di marzo previsti incontri per capire le esigenze e le disponibilità degli abitanti e per trovare operatori (con invito speciale ai candidati alle elezioni)

  • 3

    Fumata nera e altra proroga sul lago

    Verbano

    Ancora nessun accordo sulla futura gestione del bacino svizzero fra le società svizzera e italiana di navigazione: si continuerà a discutere fino a fine marzo e il servizio sarà comunque garantito secondo gli attuali parametri

  • 4

    Golf, dei reclami «temerari»

    Il caso

    Il botta e risposta tra il club patriziale di Ascona e l’associazione nazionale rivela l’incomprensione che sta alla base del «blitz» di Polizia nelle due strutture del Locarnese - Già a inizio mese si ventilava l’idea di non rispettare quanto indicato da Swiss Golf

  • 5

    Banca, commercio e benzina: l’evoluzione di piazza Muraccio

    Locarno

    Novità in vista per il centralissimo comparto cittadino: Raiffeisen amplierà la propria sede occupando gli spazi dell’ex Cartoleria Mazzoni – In fase preliminare un progetto sulla stessa proprietà per una nuova palazzina dove si insedierebbe un negozio Coop Pronto con stazione di servizio

  • 1
  • 1