Nuovo tunnel o funivia? «A queste regioni serve altro»

Tra Vallemaggia e Leventina

L’ex presidente della RTV Aldo Maffioletti ritiene anacronistiche le ipotesi di collegamento allo studio - «A favore della regione meglio valorizzare sentieri, trasporto pubblico, strutture ricettive e telelavoro» - Giovanni Pettinari (DT): «Adesso lasciamo lavorare i tecnici»

Nuovo tunnel o funivia? «A queste regioni serve altro»
Il lago del Sambuco visto dal passo Sassello (a quota 2.336 metri). ©Aldo Maffioletti

Nuovo tunnel o funivia? «A queste regioni serve altro»

Il lago del Sambuco visto dal passo Sassello (a quota 2.336 metri). ©Aldo Maffioletti

Nuovo tunnel o funivia? «A queste regioni serve altro»
Un tratto di mulattiera verso il passo Sassello. ©Aldo Maffioletti

Nuovo tunnel o funivia? «A queste regioni serve altro»

Un tratto di mulattiera verso il passo Sassello. ©Aldo Maffioletti

Manutenzione delle strade e dei sentieri esistenti, miglioramento del trasporto pubblico e promozione mirata delle nostre montagne anziché nuovi collegamenti o funivie. È quanto suggerisce all’autorità cantonale l’airolese Aldo Maffioletti, già presidente della ex Regione Tre Valli e dell’Associazione dei Comuni leventinesi. Lo spunto gli è stato offerto da quanto annunciato a metà giugno dal Dipartimento del territorio, ovvero che il gruppo che sta studiando un nuovo collegamento tra Alta Vallemaggia e Leventina ha scartato l’ipotesi della galleria di base lunga circa 7 chilometri tra Fusio e Rodi – ritenuta troppo costosa e incompatibile con i vincoli ambientali – annunciando di voler propendere o per una galleria in alta quota (le soluzioni possibili sono tre) o per una funivia (un paio...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Simone Berti
Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Un mega luccio catturato nel Verbano

    Pesca

    All’amo di Ivan Schifano, non nuovo ad exploit del genere, un esemplare da oltre 14 chilogrammi e lungo 1 metro e 28 centimetri – «Per issarlo a bordo della barca c’è voluto un quarto d’ora»

  • 2

    Si riempie di stelle l’orizzonte dell’albergo Esplanade

    Minusio

    È andata in porto la vendita dello storico hotel, chiuso da diversi mesi dopo una parentesi come servizio e-rooms – La struttura sarà ora rinnovata e poi affidata a una prestigiosa catena internazionale – Investimento complessivo da 40 milioni

  • 3

    I Pilatus PC-7 nei cieli ticinesi: è la scuola piloti

    LOCARNO

    Inizierà domani l’ultima fase di selezione per 14 candidati piloti militari che si concluderà l’11 settembre - Oltre all’istruzione teorica verrà effettuata anche quella pratica con voli a Sud delle Alpi e in Mesolcina

  • 4

    «Siamo fortunati a vivere in Svizzera»

    LOCARNO

    Il direttore dell’Agenzia turistica ticinese ha scelto la «sua» Locarno per il discorso della festa nazionale: «Per il settore il virus è un duro colpo, ma stiamo ripartendo dalla natura e dall’ambiente, passando per l’identità territoriale»

  • 5
  • 1
  • 1