Oltre 150 firme al Municipio di Ascona contro l’eccessivo rumore in via Buonamano

Traffico

Intanto, dopo la petizione per via Ferrera, il Municipio annuncia che su tale strada il passaggio pedonale sarà «custodito» da agenti di sorveglianza nelle ore di punta, mentre in futuro si provvederà alla posa di un semaforo

Oltre 150 firme al Municipio di Ascona contro l’eccessivo rumore in via Buonamano
Su via Buonamano si concentra quasi tutto il traffico in uscita da Ascona. ©CdT/Archivio

Oltre 150 firme al Municipio di Ascona contro l’eccessivo rumore in via Buonamano

Su via Buonamano si concentra quasi tutto il traffico in uscita da Ascona. ©CdT/Archivio

Strade e traffico sembrano essere argomenti all’ordine del giorno, in queste settimane, ad Ascona. Dopo la petizione per via Ferrera, alla quale il Municipio ha appena risposto, ora sul tavolo dello stesso Esecutivo sono giunte altre 152 sottoscrizioni riguardanti la situazione di via Buonamano, che i firmatari ritengono troppo rumorosa.

Trenta all’ora impossibile

Iniziamo però da via Ferrera, sulla quale, secondo l’Esecutivo, non è possibile introdurre il limite di velocità di 30 chilometri orari (come richiesto dalla petizione con prima firmataria Verusca Herrmann-Pisoni) perché, basandosi sui monitoraggi, non sussistono i termini di legge. Il Municipio ha però deciso di adottare comunque alcune misure per garantire la sicurezza dei pedoni (degli allievi delle scuole in particolare). Da ora e fino all’apertura del previsto cantiere sarà dunque dato mandato a una ditta privata di sorvegliare il passaggio pedonale in zona durante le ore di punta, effettuando anche un censimento degli attraversamenti. Nell’ambito del riassetto stradale, presto in pubblicazione, saranno anche previsti un’isola pedonale e un semaforo allo stesso passaggio pedonale.

Limiti di legge superati

Veniamo ora a via Buonamano, arteria che convoglia il traffico in uscita da Ascona e sulla quale, secondo i petizionisti, i limiti fonici di legge sarebbero regolarmente superati, come attestato dal catasto dei rumori del Cantone. Da qui la serie di richieste concrete indirizzate al Municipio, fra cui, il risanamento del manto stradale con asfalto fonoassorbente, la posa di un «radar amico» all’altezza dell’hotel Luna, l’introduzione del limite di 30 chilometri orari, controlli saltuari della velocità, con la posa di un relativo cartello all’imbocco della via, e, nel caso in cui la riasfaltatura dovesse essere procrastinata, il risanamento urgente del tratto più sconnesso in concomitanza coi lavori in via Ferrera.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Losone, il PLR svela le sue carte

    elezioni

    Si ripresentano il vice sindaco Ivan Catarin e il municipale uscente Daniele Pidò – Molti i giovani in lista per il Consiglio comunale

  • 2
  • 3

    Animali in fila per la benedizione

    Golino

    Successo per il tradizionale appuntamento, che ha attirato un centinaio di persone con i propri amici a quattro zampe - Molti i cani, ma non sono mancati gatti, asinelli o muli - LE FOTO

  • 4

    Un pellegrino d’altri tempi

    Locarno

    A 15 anni dalla sua prima visita è tornato a trovarci in redazione il globetrotter Gàbor Zsigmondi – In oltre tre decenni ha visitato quasi ogni parte del mondo

  • 5

    «La RSI è troppo Lugano-centrica»

    Dibattito

    Garbato ma duro il sindaco di Locarno durante la serata organizzata dalla CORSI per parlare del programma «Storie»: «Per una volta che ci si è ricordati di Locarno, si è fatto passare il messaggio sbagliato» – Al centro della discussione l’ormai noto documentario dedicato alla Città Vecchia

  • 1
  • 1