Ospiti illustri a Locarno

Incontro

Una delegazione del Municipio ha ricevuto i presidenti del Consiglio Nazionale e del Consiglio degli Stati – Al centro del discorso la pandemia da coronavirus

Ospiti illustri a Locarno
Da sinistra Niccolò Salvioni, Alain Scherrer, Hans Stöckli, Isabelle Moret, Bruno Buzzini, Paolo Caroni e Giuseppe Cotti. © Città di Locarno

Ospiti illustri a Locarno

Da sinistra Niccolò Salvioni, Alain Scherrer, Hans Stöckli, Isabelle Moret, Bruno Buzzini, Paolo Caroni e Giuseppe Cotti. © Città di Locarno

«Il dialogo costante tra i diversi livelli dell’ente pubblico è proprio ciò che permette al federalismo di dare prova di sé, con soluzioni diversificate, tempestive ed efficaci, ma soprattutto senza perdere la fiducia della popolazione». Così il sindaco di Locarno, Alain Scherrer, durante l’incontro tra una delegazione del Municipio cittadino e i due presidenti delle Camere federali in visita in Ticino.
Un incontro, avvenuto subito dopo quello di Bellinzona con le autorità cantonali, al quale hanno appunto preso parte il presidente del Consiglio nazionale Isabelle Moret, il presidente del Consiglio degli Stati Hans Stöckli e il capo settore internazionale e plurilinguismo del Parlamento Claudio Fischer.

Temi sempre caldi
E un incontro, tenutosi nel primo giorno dopo la fine dello stato di necessità ticinese, che ha permesso ai presenti di discutere la gestione dell’emergenza legata al nuovo coronavirus, come anche le misure per l’allentamento delle regole e la riapertura. Dopo aver espresso generale soddisfazione per l’operato delle autorità a livello federale, il sindaco ha esposto quanto vissuto da una realtà come la Città di Locarno, che oltre ad aver ospitato uno degli ospedali COVID-19 di riferimento oggi affronta la riapertura con cautela e con attenzione verso settori fondamentali, ma in difficoltà, come il turismo o i piccoli commerci.
In particolare, l’annullamento di eventi di grande portata come il Locarno Film Festival e Moon and Stars hanno avuto e avranno ingenti ricadute, che la Città ed altri attori stanno tentando di mitigare attraverso offerte alternative, nel pieno rispetto delle normative in vigore.

Non va abbassata la guardia
Considerato il parere degli esperti in merito ai possibili sviluppi, durante la visita è stato possibile anche uno scambio di opinioni sulle prossime settimane e sull’importanza di ricordare le regole alla popolazione nonostante la fine dello stato di necessità.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Sembra andare meglio alle «Maldive di Milano»

    Territorio

    La Fondazione Verzasca valuta positivamente l’effetto delle misure introdotte a metà luglio per gestire il forte afflusso di visitatori: «II nostro messaggio è stato recepito» - Secondo Alessandro Speziali i residenti hanno capito che senza turismo la valle non ha un futuro - LE FOTO

  • 2
  • 3

    Prendono vita le opere di Vincenzo Vela

    Arte

    Riproduzione in 3D delle sculture a Locarno e Giornico grazie all’iniziativa di Philippe Antonello e Stefano Montesi e in onore del bicentenario della nascita

  • 4

    Sarà mica un sole quello: «Che degrado»

    LOCARNO

    Interrogazione interpartitica sull’astrovia, il percorso che si snoda dalla Città per arrivare fino a Tegna, lungo le rive della Maggia - Con degli «interventi semplici» si può rimediare alle condizioni di «deterioramento» nelle quali si trova la passeggiata di 6 chilometri

  • 5
  • 1
  • 1