Parapendista scomparso: ricerche dal Ticino al Vallese

Le operazioni

In campo uomini della Polizia cantonale, della Rega, del Soccorso alpino svizzero assieme ad altri enti italiani e romandi - Molte le segnalazioni di possibili avvistamenti che si stanno vagliando, ma per il momento il 35.enne non è ancora stato ritrovato

Parapendista scomparso: ricerche dal Ticino al Vallese
Il cellulare del parapendista avrebbe agganciato un ripetitore di Someo sabato alle 18.30. © CdT/Archivio

Parapendista scomparso: ricerche dal Ticino al Vallese

Il cellulare del parapendista avrebbe agganciato un ripetitore di Someo sabato alle 18.30. © CdT/Archivio

Le operazioni di ricerca del parapendista sparito da sabato si stanno rivelando davvero complicate. Non fosse altro che per la vasta area da perlustrare. Praticamente dalle valli del Locarnese al Vallese, passando per l’Italia. E se le segnalazioni di possibili avvistamenti – ricevute anche grazie agli appelli lanciati via social network dagli amici dello scomparso – sono molteplici, al momento non vi sono ancora tracce concrete. Si stanno vagliando tutte le informazioni ricevute.

Le uniche tracce concrete di cui i gruppi di ricerca dispongono, da oggi coordinati dalla Polizia cantonale, sono l’ultima posizione rilasciata dal riletavore GPS, in alta val Bognanco nell’Ossola, e un segnale del cellulare del 35.enne che avrebbe agganciato un ripetitore di Someo, in Vallemaggia, attorno alle 18.30 di sabato. Di qui l’area di ricerca estesa, che viene coperta in collaborazione con al Rega, gli uomini del Soccorso alpino svizzero e ai preposti enti italiani e vallesani.

L’uomo, ricordiamo, era decollato sabato attorno alle 11.30 da Cardada-Cimetta assieme ad alcuni compagni d’avventura e il piano era quello di sorvolare la zona di confine tra il Vallese e l’Italia, tra il Sempione e il Corno Gries, per poi tornare. Il 35.enne è però rimasto un po’ indietro e verso Domodossola ha perso il contatto visivo con i compagni.

Sui social si chiede dunque a chi ne abbia la possibilità di sorvegliare le nostre montagne, magari anche con il binocolo, per cercare la vela rossa con bordo d’attacco giallo dello sventurato. Per eventuali avvistamenti in territorio ticinese è invece verosimile che il parapendista sia passato tra le 15.30 e la tarda serata di sabato.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Una preziosa perla salvata e tutta da scoprire

    losone

    Si sta concludendo l’operazione di restauro degli affreschi quattrocenteschi nella chiesa di San Giorgio – Ora il pubblico potrà tornare nell’antico coro per ammirare i dipinti attributi dagli esperti alla nota Bottega dei Seregnesi

  • 2
  • 3

    Museo a Locarno? «Opportunità irripetibile»

    Appello

    In una lunga lettera alla Commissione della gestione del Gran Consiglio, la Società ticinese di scienze naturali sostiene l’ubicazione del Monastero di Santa Caterina per la nuova sede del Museo cantonale di storia naturale

  • 4

    Giovanni Frapolli dice addio a Bosco Gurin

    Turismo

    L’imprenditore bellinzonese, in rotta di collisione con il Patriziato, minaccia di chiudere e parla di smantellamento degli impianti: «Mi bloccano qualsiasi iniziativa e nemmeno Comunie ASCOVAM sono riusciti a convincerli della bontà dei miei progetti» - Domani assemblea decisiva

  • 5

    Tutto si muove, ma poco cambia in periferia

    Elezioni nel Locarnese

    Il 18 aprile in Vallemaggia, Centovalli e Terre di Pedemonte i municipi si ricandidano quasi al completo. Resta però qualche «variabile impazzita» come il ritorno di Giorgio Pellanda a Intragna.

  • 1
  • 1