Piano di mobilità per scolari e persone anziane

Ascona

Il Borgo aderisce al progetto cantonale che promuove gli spostamenti a piedi – Formato il team che dovrà fornire le risposte alle necessità non solo per gli spostamenti dei giovani

Piano di mobilità per scolari e persone anziane
Effettuare il tragitto casa-scuola a piedi aiuta a socializzare. © CdT/Archivio

Piano di mobilità per scolari e persone anziane

Effettuare il tragitto casa-scuola a piedi aiuta a socializzare. © CdT/Archivio

«Promuovere la mobilità lenta implica numerosi vantaggi sia individuali sia collettivi. Aumenta la sicurezza sulle strade, promuove uno stile di vita sano a livello psicofisico e la socializzazione dei bambini, migliora la qualità dell’aria e dello spazio locale». Insomma, la qualità di vita dell’intera collettività ne trae vantaggio.
Così, di recente, il Municipio di Ascona, l’Istituto scolastico comunale e l’Assemblea Genitori (AGISA) hanno aderito al Piano di Mobilità Scolastica (PMS), un progetto cantonale che consente di gestire e risolvere in forma efficace i problemi generati dalla mobilità scolastica di ogni Comune. «Oltre alla mobilità scolastica il Comune, in collaborazione con la locale Associazione terza età, intende verificare la qualità e percorribilità per gli anziani», si legge inoltre in una nota che ricorda come il PMS di Ascona si estenda su tutto il territorio comunale e ingloba la Scuola dell’infanzia e quella elementare.

Il gruppo di lavoro
È quindi stato attivato un gruppo di lavoro responsabile di redigere il progetto, composto da rappresentanti del Municipio, della Direzione dell’istituto scolastico comunale, dell’Ufficio tecnico, della Polizia comunale, dell’AGISA e dell’Associazione terza età. Gruppo che sarà coordinato dallo Studio d’ingegneria Francesco Allievi SA, con sede nel Borgo, nell’ambito del progetto cantonale «meglio a piedi».

Tanti obiettivi a favore di tutti
Il Piano per la mobilità scolastica e per le persone anziane di Ascona dovrà fornire soluzioni e proposte per raggiungere diversi obiettivi: incrementare il numero di allievi che va a piedi a scuola in sicurezza; ridurre drasticamente il circolo vizioso delle auto attorno alla scuola; aumentare significativamente la sicurezza stradale a beneficio dei bambini e di altri utenti deboli, come gli anziani, e di tutti gli abitanti del Borgo; individuare una rete di percorsi pedonali a livello comunale a misura di bambino, dunque adatti a tutte le età, sviluppando sinergie con la rete dei sentieri locali e con i principali poli di attrazione pubblica, turistica, escursionistica; integrare le scelte di moderazione del traffico necessarie con i progetti già in corso di elaborazione/realizzazione. Senza dimenticare, come accennato, l’aspetto ambientale. Quindi mirerà anche a migliorare la qualità dell’aria e dell’ambiente circostante, riducendo l’emissione di CO2, polveri sottili e rumore.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Un mega luccio catturato nel Verbano

    Pesca

    All’amo di Ivan Schifano, non nuovo ad exploit del genere, un esemplare da oltre 14 chilogrammi e lungo 1 metro e 28 centimetri – «Per issarlo a bordo della barca c’è voluto un quarto d’ora»

  • 2

    Si riempie di stelle l’orizzonte dell’albergo Esplanade

    Minusio

    È andata in porto la vendita dello storico hotel, chiuso da diversi mesi dopo una parentesi come servizio e-rooms – La struttura sarà ora rinnovata e poi affidata a una prestigiosa catena internazionale – Investimento complessivo da 40 milioni

  • 3

    I Pilatus PC-7 nei cieli ticinesi: è la scuola piloti

    LOCARNO

    Inizierà domani l’ultima fase di selezione per 14 candidati piloti militari che si concluderà l’11 settembre - Oltre all’istruzione teorica verrà effettuata anche quella pratica con voli a Sud delle Alpi e in Mesolcina

  • 4

    «Siamo fortunati a vivere in Svizzera»

    LOCARNO

    Il direttore dell’Agenzia turistica ticinese ha scelto la «sua» Locarno per il discorso della festa nazionale: «Per il settore il virus è un duro colpo, ma stiamo ripartendo dalla natura e dall’ambiente, passando per l’identità territoriale»

  • 5
  • 1
  • 1