Quando i soccorritori si ammalano

Locarnese

Il carico emotivo così come quello fisico possono segnare chi lavora sulle ambulanze – Per rispondere al problema il SALVA sviluppa un progetto dedicato alla promozione della salute dei dipendenti

Quando i soccorritori si ammalano
Un lavoro non semplice quello dei soccorritori del SALVA, che sono sempre pronti ad occuparsi di chi si trova in difficoltà. ©CdT/Archivio

Quando i soccorritori si ammalano

Un lavoro non semplice quello dei soccorritori del SALVA, che sono sempre pronti ad occuparsi di chi si trova in difficoltà. ©CdT/Archivio

Che si tratti di un malore o di un infortunio, in caso di urgenza abbiamo una certezza: poter chiamare il 144. E i soccorritori del Servizio ambulanza Locarnese e Valli (SALVA) ci raggiungeranno in un battibaleno, fornendoci le prime cure nel miglior modo possibile. Sia dal lato professionale, sia da quello umano. Potremmo parlare di «angeli» della nostra salute. Ma chi pensa ai soccorritori stessi, confrontati con un lavoro che può rivelarsi pesante sia dal punto di vista fisico, sia da quello emotivo? È un tema importante, sul quale il SALVA sta effettuando una seria riflessione. Per questo nel preventivo 2020 v’è un apposito capitolo dedicato al «Progetto promozione della salute dei dipendenti». Il Servizio ambulanza, si legge nel messaggio, si è dovuto confrontare con casi di malattia,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Prende forma il futuro delle funivie centovalline

    Concorso

    Il progetto «Umbrela» dell’architetto Francesco Buzzi si aggiudica il concorso per la Verdasio-Rasa – Il rinnovo completo delle strutture comporta un investimento di 11,7 milioni di franchi – L’iter rallentato dal coronavirus

  • 2

    La politica riparte dal Palexpo

    Locarno

    Dopo il lockdown torna a riunirsi il Consiglio comunale con un credito di 1,5 milioni legato alla COVID-19 – Ma per garantire la distanza tra i partecipanti si lascia Palazzo Marcacci a vantaggio della grande sala alla Morettina

  • 3

    Corse ogni 30 minuti tra Locarno e Intragna

    Ferrovia

    Firmato un accordo tra le FART e l’Ufficio federale dei trasporti che rientra nel progetto di rinnovo e potenziamento della rete delle Centovalli e di quella nazionale

  • 4

    Lifting per il simbolo dell’idroelettrico

    Locarno

    Restauro da 14,5 milioni di franchi in vista per la sede amministrativa dell’OFIMA – L’edificio risale agli anni Sessanta ed è stato firmato dal rinomato architetto Paolo Mariotta – Struttura innovativa per la sua epoca, è oggi un bene culturale protetto a livello cantonale

  • 5

    La Città pensa a chi ha la passione ma non l’orto

    Locarno

    È pronto il progetto per la creazione dei primi sedici appezzamenti coltivabili nella zona della Morettina – Ulteriori spazi potrebbero essere ricavati davanti al Parco Robinson ma tutto dipenderà dalle nuove priorità d’investimento

  • 1
  • 1