piazza grande

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

A Locarno i salumieri della Rapelli riescono nell’impresa - Il gustoso exploit messo a segno per sottolineare i 90 anni della storica azienda, fondata nel 1929 a Stabio - GUARDA LE FOTO

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!
Foto Reguzzi.

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

Foto Reguzzi.

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

Record decuplicato: un chilometro di luganighetta!

LOCARNO - Pepe della Vallemaggia, cannella, noce moscata, sale e zucchero. Alzi una mano chi, di fronte a questi ingredienti, indovina di cosa stiamo parlando. Tutt’altro che evidente, vero? Se però aggiungiamo della carne di maiale di ottima qualità, la cosa diventa più fattibile. Beh, sappiate che si tratta delle componenti di uno dei prodotti più tipici della tradizione gastronomica ticinese: la luganighetta. Che è stata protagonista indiscussa in piazza Grande a Locarno, dove gli esperti salumieri della Rapelli di Stabio hanno messo a segno un nuovo primato, insaccando, sotto gli occhi curiosi del pubblico, la salsiccetta più lunga della storia. Una delizia da un chilometro, voluta per festeggiare i novant’anni della storica azienda e per contribuire alla riscoperta delle nostre tradizioni. Gli artefici dell’exploit non sono nuovi a imprese del genere: nel 2015, infatti, nell’ambito della manifestazione Locarno Città del Gusto, avevano già realizzato una luganighetta lunga 100 metri. Nulla, però, rispetto a quella messa a segno ora, che – su un tagliere di 9 metri per 6 fabbricato appositamente da Matthias Bachofen dell’Atelier del legno di Lamone – è stata composta nelle cifre 9 e 0, per sottolineare il traguardo raggiunto dalla Rapelli, fondata dal capostipite Mario, nella sua bottega di via Giulia a Stabio, il 6 aprile del 1929. Di 320 chilogrammi il peso complessivo dell’impasto, di cui si sono “presi cura” 16 salumieri, stando ben attenti (e questa è stata la maggior difficoltà dell’impresa) a non rompere i budelli nei quali è stato iniettato il ripieno. Una vera delizia che è poi stata in parte cucinata su una griglia installata sul posto e gestita da altri 9 salumieri dell’azienda e in parte fornita ai sei ristoranti che si affacciano su piazza Grande. “A ideale conclusione – ha spiegato al Corriere del Ticino il portavoce del salumificio ticinese Ivan Trezzini – della rassegna gastronomica che ha coinvolto 54 chef ticinesi. A dimostrazione che anche con un prodotto dalle origini antiche è possibile proporre ricette del tutto innovative”.

Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Locarno
  • 1