Scuole al Burio: «Errore di valutazione di 8 milioni»

Risanamento

Il Gruppo Alternativa Gordola riaccende la discussione sul futuro dell’istituto comunale, criticando il Municipio per come stia affrontando il tema

Scuole al Burio: «Errore di valutazione di 8 milioni»
Le scuole al Burio di Gordola. © CdT/Archivio

Scuole al Burio: «Errore di valutazione di 8 milioni»

Le scuole al Burio di Gordola. © CdT/Archivio

«Si invita il Municipio a prendere finalmente sul serio la faccenda delle scuole nell’interesse generale della popolazione e di non scherzare con i numeri». Il Gruppo alternativa Gordola – dopo la recente presentazione di un messaggio da 3,8 milioni per una prima tranche di lavori all’istituto Al Burio – riaccende la discussione sul futuro della scuola comunale, di cui si parla ormai da anni.

Il progetto da limare
«Si ricorda che il progetto del 2015, con un costo di 16,2 milioni, non aveva trovato un maggioranza», si legge in una nota. «Si era chiesto a quel momento di ottimizzare il progetto, con un esercizio di risparmio e di rinunce, per scendere a circa 12-13 milioni. Parallelamente su pressione giunte da più parti, si è finalmente dato seguito a uno studio di fattibilità di una scuola nuova su due terreni disponibili di proprietà del Comune (in località Monda o Campagne). Poi silenzio».
Ma i problemi strutturali della palestra hanno riportato l’attenzione sullo stato precario degli stabili. «Scopriamo così che il Municipio con una fuga in avanti, senza coinvolgere né la Gestione né il Consiglio comunale, ha fatto elaborare un nuovo progetto di ristrutturazione completa del Burio dal costo presumibile di circa 20 milioni e chiede di approvare subito un credito di 3.8 milioni per una prima tranche cui seguiranno altre fette, con la cosiddetta tattica del salame», aggiunge dunque Alternativa Gordola.

Due opzioni a confronto
Due studi per mettere a confronto l’opzione di una costruzione ex novo con quella del risanamento erano stati sollecitati dai vari gruppi politici e presentati di recente. «Il pianificatore Mauro Galfetti in un suo studio meticoloso indica in 17.000 mc cubi il fabbisogno necessario, cui occorre aggiungere altri 4.250 mc per la palestra. Con un costo di 800 fr/mc si arriva a 17 milioni (il costo della nuova SM di Caslano è di 725 fr/mc, tutto incluso)», si spiega ancora nella nota. «L’architetto Angelo Vitali e il consorzio di progettazione CSB4-Petraglio, con il loro studio, indicano in 25 milioni (più spese accessorie) il costo di una costruzione a nuovo, basandosi però sull’attuale volumetria delle scuole del Burio, e quindi conteggiando tutti gli enormi spazi inutili e in eccesso di tale struttura, che raggiunge i 25.000 mc». E nello studio comparativo, Galfetti indica i vantaggi sul fronte dell’accessibilità di una scuola ubicata alla Monda, nella zona più entrale del paese.

Servono cifre reali
«Sulla base di questi studi, mal si comprende la volontà del Municipio di voler proseguire sulla strada del risanamento delle vecchie scuole. Si tratta di otto milioni di franchi in più, dovuti ad un errore di valutazione della volumetria, che il Municipio non ha voluto vedere pur di poter proseguire sulla strada del risanamento a scapito dell’opzione ‘scuola nuova’», conclude Alternativa Gordola. «Se il Municipio pensa che il suo progetto sia l’ultima ratio, presenti un progetto generale di risanamento, non a fette, in modo da permettere al Consiglio Comunale di decidere su cifre reali complessive. La fretta è una cattiva consigliera. L’altra sera i conti consuntivi 2019 sono stati bocciati a maggioranza in segno di protesta conto la politica della non informazione, rispetto e coinvolgimento delle varie commissioni. Fatto molto raro se non unico e che speriamo sia di insegnamento».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Si riempie di stelle l’orizzonte dell’albergo Esplanade

    Minusio

    È andata in porto la vendita dello storico hotel, chiuso da diversi mesi dopo una parentesi come servizio e-rooms – La struttura sarà ora rinnovata e poi affidata a una prestigiosa catena internazionale – Investimento complessivo da 40 milioni

  • 2

    I Pilatus PC-7 nei cieli ticinesi: è la scuola piloti

    LOCARNO

    Inizierà domani l’ultima fase di selezione per 14 candidati piloti militari che si concluderà l’11 settembre - Oltre all’istruzione teorica verrà effettuata anche quella pratica con voli a Sud delle Alpi e in Mesolcina

  • 3

    «Siamo fortunati a vivere in Svizzera»

    LOCARNO

    Il direttore dell’Agenzia turistica ticinese ha scelto la «sua» Locarno per il discorso della festa nazionale: «Per il settore il virus è un duro colpo, ma stiamo ripartendo dalla natura e dall’ambiente, passando per l’identità territoriale»

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1