Sì all’ampliamento della scuola dell’infanzia

Minusio

Grazie al credito da 5,3 milioni la sede di via Mezzaro sarà sopraelevata, ricavando due sezioni aggiunti e molti altri spazi – Il Consiglio comunale dichiara l’emergenza climatica

Sì all’ampliamento della scuola dell’infanzia
La sede della scuola dell’infanzia in via Mezzaro. © CdT/Chiara Zocchetti

Sì all’ampliamento della scuola dell’infanzia

La sede della scuola dell’infanzia in via Mezzaro. © CdT/Chiara Zocchetti

Nuova vita per la scuola dell’infanzia di Minusio. Lunedì sera, infatti, il Consiglio comunale ha approvato il credito da 5,3 milioni per adeguare la sede di via Mezzaro. Il progetto prevede che siano aggiunte due sezioni così da non dover più ricorrere a soluzione esterne. Sopraelevando lo stabile si otterranno inoltre nuovi spazi didattici e sale per le riunioni.

Parallelamente il Legislativo ha mostrato il pollice alto anche al credito da 270.000 franchi (più 10.000 per l’allestimento della necessaria variante di PR), che servirà a progettare la ristrutturazione e l’ampliamento dell’ex sede della Posta. Il tutto per dare una nuova casa alla Polizia comunale, all’Ufficio tecnico, all’Azienda acqua potabile, nonché per ricavare dei magazzini comunali.

Luce verde anche al Preventivo 2020, che ipotizza un avanzo d’esercizio di 21.800 franchi. Un sostanziale pareggio frutto di spese correnti per 35,9 milioni, ricavi per 15,4 milioni e di un il moltiplicatore che rimarrà al 78%.

L’emergenza climatica
La seduta, però, è stata caratterizzata anche dall’emergenza climatica. Ebbene i consiglieri del gruppo USI e quelli del PLR e di Uniti x Minusio hanno trovato l’intesa per un testo condiviso, in cui Minusio si dice consapevole del fatto che ci sia un’emergenza e per questo vuole impegnarsi per attenuare il cambiamento. Il tutto, ad esempio, adottando «misure concrete» che integrino «sostenibilità ambientale, sociale ed economica». E questo ancora entro la fine della legislatura.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Lascia il vicesindaco Patrik Arnold

    Maggia

    La locale sezione del PLR tenterà comunque di mantenere i propri due seggi in Municipio - Sempre in corsa il sindaco Aron Piezzi, affiancato da altri quattro candidati

  • 2

    La cordata della Lega va a caccia del raddoppio

    Locarno

    Il movimento, assieme a UDC e indipendenti, punta al secondo municipale da affiancare a Bruno Buzzini - Con l’uscente in corsa anche il democentrista Baeriswyl, la vice presidente del legislativo Ceschi, l’ex Montagna Viva Pidò e tre eserdienti

  • 3

    «Se vogliamo vincere bando ai personalismi»

    Locarno

    Il presidente del PLR Gabriele De Lorenzi ha lanciato un monito all’assemblea in vista della scadenza elettorale – Confermata la compagine guidata dal sindaco Alain Scherrer con l’uscente Davide Giovannacci e con Nicola Pini

  • 4

    Non si ricandida il municipale Paolo Kaehr

    Minusio

    Il rappresentante della lista Unione socialisti e indipendenti ha deciso di rinunciare ad un nuovo mandato in seno all’Esecutivo - Presentata la lista dei quattro in corsa per la sua poltrona, oltre ai nomi dei dodici candidati al Legislativo

  • 5
  • 1
  • 1