Stop ai progetti edilizi per 5 anni sul Monte Bré

LOCARNO

Il Cantone dà preavviso positivo sulla Zona di pianificazione che punta a salvaguardare il territorio

Stop ai progetti edilizi per 5 anni sul Monte Bré
© CdT/Pedrazzini

Stop ai progetti edilizi per 5 anni sul Monte Bré

© CdT/Pedrazzini

La sezione dello sviluppo territoriale del Dipartimento del territorio ha trasmesso il proprio preavviso positivo sulla Zona di pianificazione che per i comparti di Bré e Colmanicchio per una durata di 5 anni, quale misura di salvaguardia del territorio. Detto altrimenti, stop ai progetti edilizi nella zona in cui un gruppo di investitori mirava a realizzare un maxi resort. Il Municipio ha dal canto suo già deciso di procedere alla pubblicazione della «celere decisione, che permetterà alla zona di pianificazione di esplicare i suoi effetti in tempi brevi».

«Questo ultimo passo, sancito dalla Legge sullo sviluppo territoriale (art. 59 Lst), costituiva l’ultima formalità prima della pubblicazione e dell’entrata in vigore della zona di pianificazione per i comparti di Bré e Colmanicchio per una durata di 5 anni, quale misura di salvaguardia del territorio», si legge in una nota di Palazzo Marcacci. Nel frattempo, alla Commissione Piano regolatore del Consiglio comunale spetterà il compito di elaborare una proposta concreta che costituisca la miglior soluzione per il quartiere di Monte Bré, tenendo pure conto della volontà popolare espressasi a favore di una maggiore tutela del comparto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2

    Una torre e mezza può bastare

    Locarno

    Contestata la prospettata sopraelevazione della seconda palazzina del Valle Maggia Center già ridimensionata nel 2018 – Ha preso il via intanto lo sgombero dei terreni su cui è prevista la costruzione del complesso residenziale e commerciale

  • 3
  • 4

    Sempre meno angeli custodi

    Locarno e Vallemaggia

    Mentre festeggia i 50 anni la Protezione civile si riorganizza con il nuovo comandante – Se negli anni Novanta i militi istruiti erano circa 2.000 oggi raggiungono solo le 800 unità – Tra i motivi dal calo un maggior rigore durante la visita di reclutamento e l’alternativa del servizio civile

  • 5
  • 1
  • 1