Teatro da asporto per curarsi dal virus

La curiosità

Se cercate un attimo di svago passate al Paravento di Locarno e ritirate un po’ di poesia o di umorismo da godervi a casa – Miguel Àngel Cienfuegos: «Lo facciamo per ricordare che siamo sempre qui e per ritrovare in qualche modo il nostro pubblico»

Teatro da asporto per curarsi dal virus
Il sogno nel cassetto del Paravento è di poter tornare ad organizzare gli appuntamenti estivi nel giardino esterno al teatro. ©CdT/Archivio

Teatro da asporto per curarsi dal virus

Il sogno nel cassetto del Paravento è di poter tornare ad organizzare gli appuntamenti estivi nel giardino esterno al teatro. ©CdT/Archivio

Durante la prima ondata pandemica c’erano state le «pillole» inviate via posta elettronica. Ora la nuova terapia contro il virus si chiama teatro da asporto. A prescriverla al suo pubblico (ma non solo) è la Compagnia Paravento di Locarno, che gestisce l’omonima sala in Città Vecchia e che ha appena varato la nuova iniziativa. «Per – spiega al Corriere il direttore Miguel Àngel Cienfuegos – ricordare che siamo sempre qui. E anche per ritrovare, in qualche modo, i nostri spettatori». Il principio è molto semplice e ricalca quello del servizio take-away adottato da tanti bar e ristoranti che – sulla stessa barca di teatri e centri culturali – hanno dovuto reinventarsi per rimanere a galla durante il lockdown.

Una chiavetta piena di magia

Lo strumento per concretizzare l’idea è una semplice chiavetta...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2
  • 3

    Una Pasqua da record mette in quota l’estate

    Cardada

    Oltre 5.600 passeggeri durante le ultime vacanze primaverili, ma anche i primi tre mesi invernali hanno fatto il pieno - Nessun contagio registrato tra i frequentatori degli impianti di risalita - Un fitto calendario di eventi già pronto in vista dell’allentamento delle misure sanitarie anti-COVID-19

  • 4

    «Per evitare la chiusura noi siamo pronti a mediare»

    Bosco Gurin

    Comune preoccupato dopo le decisioni del Patriziato e l’aut aut sugli impianti ribadito da Giovanni Frapolli - Il sindaco Alberto Tomamichel: «Ovviamente l’assemblea è sovrana ma forse una riflessione sul futuro è ancora possibile»

  • 5
  • 1
  • 1