Un’icona che vuole di nuovo fiorire

Locarno

Pubblicato dal Cantone il bando del concorso di progettazione per la ristrutturazione completa dello storico stabile del Pretorio cittadino – L’edificio ospitò nel 1925 le conferenze che portarono al Patto di Locarno – L’esito della gara sarà svelato a partire dal prossimo mese di aprile

Un’icona che vuole di nuovo fiorire
Il caratteristico scalone d’accesso del Pretorio di Locarno. © CdT/Chiara Zocchetti

Un’icona che vuole di nuovo fiorire

Il caratteristico scalone d’accesso del Pretorio di Locarno. © CdT/Chiara Zocchetti

Storico e iconico. È il minimo che si possa dire del palazzo del Pretorio cittadino, che nel 1925 ospitò le conferenze del cosiddetto Patto di Locarno, ovvero degli accordi che contribuirono a un breve periodo di distensione e di collaborazione tra le nazioni europee dopo la Prima guerra mondiale. Ma, come detto, si tratta anche di un palazzo iconico con il suo «scalone» d’accesso che nel corso dei decenni si è addirittura guadagnato un posto di diritto nei modi di dire dei locarnesi. Un palazzo, che necessita però di un pesante restauro, per il quale il Dipartimento delle finanze e dell’economia ha pubblicato sul Foglio ufficiale un apposito concorso di progettazione per gruppi interdisciplinari.

Un tetto di 30 milioniSe il tetto massimo di spesa per il restauro è stato fissato a 29,3 milioni...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 1