Un parco veicoli da rinnovare

Locarno

Il Municipio chiede un credito quadro di 5,1 milioni per ammodernare la flotta a disposizione del vari servizi dell’amministrazione – Particolare attenzione viene data all’aspetto ecologico

Un parco veicoli da rinnovare
Tra i veicoli da sostituire anche alcuni mezzi dei pompieri o della Polizia comunale.

Un parco veicoli da rinnovare

Tra i veicoli da sostituire anche alcuni mezzi dei pompieri o della Polizia comunale.

Ben 5,1 milioni di franchi. A tanto ammonta il credito quadro che il Municipio di Locarno chiede al Consiglio comunale di stanziare per l’acquisto di veicoli destinati ai servizi della Città. Un credito quadro, riferito agli anni 2021-2026, che il Municipio è ben conscio rappresenti «un enorme dispendio finanziario». Ma – sottolinea l’Esecutivo – «bisogna verificare le effettive esigenze dell’amministrazione in termini di parco veicoli e prendere coscienza della necessità di rinnovamento di parte dello stesso. In concreto ne va della funzionalità e della sicurezza dei servizi prestati alla città».

Spazio all’elettrico
Diversi i settori che necessitano di nuovi veicoli. O perché questi hanno ormai molti chilometri o poiché sono ormai vecchi e inaffidabili. Senza voler stilare un elenco esaustivo dei mezzi che si pianifica di acquistare nei prossimi anni, va rimarcata la particolare attenzione prestata all’elettrico. Se oggi il parco veicoli cittadino è composto per il 6,06% da veicoli elettrici e ibridi, con le nuove proposte di acquisto si supererebbe il 16%. Se l’elettrico permette in molti casi di risparmiare sulla manutenzione, non sempre però la tecnologia odierna ha raggiunto un livello tale per tutti gli scopi di un Comune. Facile capire che il furgoncino del San Carlo sarà appunto elettrico, mentre certe auto della Polizia o alcuni mezzi pesanti non lo saranno.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Fumata nera e altra proroga sul lago

    Verbano

    Ancora nessun accordo sulla futura gestione del bacino svizzero fra le società svizzera e italiana di navigazione: si continuerà a discutere fino a fine marzo e il servizio sarà comunque garantito secondo gli attuali parametri

  • 2

    Golf, dei reclami «temerari»

    Il caso

    Il botta e risposta tra il club patriziale di Ascona e l’associazione nazionale rivela l’incomprensione che sta alla base del «blitz» di Polizia nelle due strutture del Locarnese - Già a inizio mese si ventilava l’idea di non rispettare quanto indicato da Swiss Golf

  • 3

    Banca, commercio e benzina: l’evoluzione di piazza Muraccio

    Locarno

    Novità in vista per il centralissimo comparto cittadino: Raiffeisen amplierà la propria sede occupando gli spazi dell’ex Cartoleria Mazzoni – In fase preliminare un progetto sulla stessa proprietà per una nuova palazzina dove si insedierebbe un negozio Coop Pronto con stazione di servizio

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1