Un robot subacqueo per cercare il giovane scomparso nel lago

Verbano

Gli specialisti romandi del GRES daranno man forte alla Polizia lacuale ticinese per individuare il corpo del 21.enne tuffatosi da un pedalò domenica e non più riemerso

Un robot subacqueo per cercare il giovane scomparso nel lago
Il natante della Lacuale durante le operazioni di ricerca del giovane scomparso. ©Rescue Media

Un robot subacqueo per cercare il giovane scomparso nel lago

Il natante della Lacuale durante le operazioni di ricerca del giovane scomparso. ©Rescue Media

Nonostante tutti gli sforzi, finora non è stato possibile individuarlo. Sarà dunque fondamentale l’arrivo sul Verbano degli specialisti del GRES (il Gruppo ricerca elettronica subacquea) per ritrovare il corpo del 21.enne portoghese, residente in valle Leventina, tuffatosi ieri in serata da un pedalò e non più riemerso dalle acque del Verbano, nel tratto di lago antistante la riva di Minusio. Le ricerche del giovane, che era a bordo del piccolo natante con alcune altre persone, erano subito iniziate grazie all’intervento immediato della Polizia lacuale, dei sommozzatori della Società di salvataggio Sub Aqua di Tenero e di un elicottero della Rega, ma senza successo. Dopo la sospensione a causa del buio, l’operazione è stata ripresa oggi, concentrandosi sulla fascia superficiale del lago, ma – come detto all’inizio – per ora del corpo del giovane non vi è traccia.

Un fondale profondo

Nel punto in cui il 21.enne si è immerso, il fondale del Verbano è particolarmente profondo. Proprio per questo è subito partita una richiesta all’indirizzo degli specialisti del Gruppo di ricerca elettronica subacquea delle polizie cantonali di Ginevra e Vaud. Quest’ultimo dispone di apparecchiature altamente performanti, come un «siluro» che permette di visionare i fondali e un robot che può essere inviato a grandi profondità. La stessa attrezzatura – il cui arrivo è atteso nei prossimi giorni – era già stata utilizzata qualche anno fa per una ricerca simile nelle acque del Ceresio.

Intanto restano aperti gli interrogativi sulle possibili cause del dramma, che ha seguito di poche ore – lo ricordiamo – la morte di un ventenne nelle acque del fiume Maggia a Ponte Brolla. In tale ambito gli esperti mettono in evidenza, in particolare, la temperatura relativamente bassa dell’acqua del lago al momento del fatto. Una condizione provocata dai temporali che si erano registrati la scorsa settimana.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2

    «È omicidio colposo, va scarcerato»

    IL PROCESSO

    La difesa contesta il pesante atto d’accusa di assassinio nei confronti del 32.enne alla sbarra per il delitto di Muralto - «Ha provocato la morte della sua partner, ma non voleva ucciderla»

  • 3

    Pionieri dell’audiovisivo quando quasi non se ne parlava

    Formazione

    Due chiacchiere con il direttore Domenico Lucchini nell’anno in cui il CISA a Locarno ha superato il record storico di studenti – Passato, presente e futuro alla vigilia del trentesimo, mentre si è aperto da poco il concorso per la ricerca di un nuovo timoniere

  • 4

    Continuità e stabilità per le scuole comunali

    Locarno

    Il Municipio spiega i motivi che l’hanno spinto a conferire un mandato per l’anno in corso alla direttrice, sebbene abbia raggiunto l’età della pensione – Molti i cambiamenti in atto in un periodo reso ancor più complicato dalla pandemia

  • 5

    Un uccellino in volo dall’Alaska al delta della Maggia

    La curiosità

    Decine di ornitologi alla foce del fiume dove nei giorni scorsi è atterrato un gambecchio, specie mai vista prima nel nostro paese – La presenza del volatile a Locarno riporta d’attualità la questione del livello delle acque del Verbano

  • 1
  • 1