«Vegetazione troppo fitta: è come cercare un ago in un pagliaio»

LOCARNESE

I volontari al fronte sulle tracce del parapendista disperso non nascondono le difficoltà delle ricerche - Nel frattempo, sui social e via WhatsApp, sono numerosi gli appelli lanciati dagli amici del 35.enne e dai cittadini

«Vegetazione troppo fitta: è come cercare un ago in un pagliaio»
Il 35.enne vola una Nova Mentor 5 rossa con il bordo d’attacco giallo, simile a quella nella foto, ed indossa un casco di color verde.

«Vegetazione troppo fitta: è come cercare un ago in un pagliaio»

Il 35.enne vola una Nova Mentor 5 rossa con il bordo d’attacco giallo, simile a quella nella foto, ed indossa un casco di color verde.

«Vegetazione troppo fitta: è come cercare un ago in un pagliaio»
Era decollato da Cimetta sabato scorso, verso le 11.30. © CdT/Archivio

«Vegetazione troppo fitta: è come cercare un ago in un pagliaio»

Era decollato da Cimetta sabato scorso, verso le 11.30. © CdT/Archivio

«Purtroppo è come cercare un ago in un pagliaio». Difficile, veramente difficile il compito degli specialisti e dei volontari impegnati da ormai cinque giorni nelle ricerche del 35.enne parapendista del Locarnese scomparso sabato scorso dopo essere decollato da Cimetta verso le 11.30. Sono tuttora in corso. Nulla viene lasciato al caso. L’uomo era partito in gruppo con l’obiettivo di sorvolare la zona di confine tra il Vallese e l’Italia, fra il Sempione ed il Corno Gries. Rimasto indietro rispetto agli altri parapendisti, ha perso il contatto visivo nella zona di Domodossola.

Una squadra di soccorso italiana si era subito recata nella Val Bognanco, che si apre appunto alle spalle di Domodossola, dove si ipotizzava potesse essere precipitato in quanto il segnalatore GPS aveva lasciato l’ultima traccia. In seguito ci si è concentrati sul territorio ticinese, con la Polizia che come abbiamo riferito oggi ha ricevuto segnalazioni da tutto il Cantone.

«Il grosso problema è la fitta vegetazione. Le zone alte al di fuori della stessa sono state controllate metro per metro con elicotteri e binocoli. Purtroppo se la vegetazione invece ha inglobato ciò che cerchiamo è difficile localizzarlo», ha scritto negli scorsi giorni un amico del parapendista su Facebook. A questo proposito la Polizia invita i cittadini alla prudenza, ovvero a non avventurarsi in zone impervie o pericolose nel tentativo di scovare un indizio che possa permettere di ritrovare il 35.enne. Quelle aree sono infatti battute dagli specialisti della montagna (ossia gli uomini del Soccorso alpino svizzero) che sono equipaggiati come si deve.

La solidarietà corre sul Web

Per aiutare nei soccorsi si è mobilitato anche il popolo del Web. E in particolare dei social. Numerosi gli appelli lanciati dagli amici, da semplici cittadini e da personaggi pubblici, in primis attraverso le «Stories» su Instagram. A questi si sono velocemente aggiunti i commenti di solidarietà da parte degli utenti. Centinaia i messaggi lasciati, soprattutto su Facebook, a corredo dei post pubblicati dagli amici del 35.enne locarnese. Ha per contro fatto il giro dei telefoni cellulari, via WhatsApp, il volantino che ricorda che l’uomo vola un parapendio rosso-bianco-giallo ed indossa un casco di colore verde.

«Vegetazione troppo fitta: è come cercare un ago in un pagliaio»
©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Giovanni Frapolli dice addio a Bosco Gurin

    Turismo

    L’imprenditore bellinzonese, in rotta di collisione con il Patriziato, minaccia di chiudere e parla di smantellamento degli impianti: «Mi bloccano qualsiasi iniziativa e nemmeno Comunie ASCOVAM sono riusciti a convincerli della bontà dei miei progetti» - Domani assemblea decisiva

  • 2

    Tutto si muove, ma poco cambia in periferia

    Elezioni nel Locarnese

    Il 18 aprile in Vallemaggia, Centovalli e Terre di Pedemonte i municipi si ricandidano quasi al completo. Resta però qualche «variabile impazzita» come il ritorno di Giorgio Pellanda a Intragna.

  • 3
  • 4

    Le similitudini di un voto fra due realtà vicine e lontane

    18 aprile

    Collaudati Municipi alla ricerca di riconferma alle elezioni sia ad Ascona sia a Losone – Entrambi i nuovi Esecutivi saranno chiamati a trovare finalmente una destinazione per una coppia di comparti strategici: l’ex aerodromo e l’ex caserma

  • 5

    Tutti i nostri abbracci in un museo

    La curiosità

    Continuano le originali iniziative del Teatro Paravento di Locarno per reagire alla pandemia – L’invito è quello di fornire fotografie, ritagli e altre testimonianze dei gesti che stiamo dimenticando

  • 1
  • 1