“Wow”, primi giudizi sulla passerella

Diverse le osservazioni giunte al Consiglio di Stato durante la consultazione pubblica, appena conclusa, sul percorso galleggiante tra Ascona e le Isole di Brissago – Promotori positivi e pronti a chiarire eventuali elementi critici

“Wow”, primi giudizi sulla passerella

“Wow”, primi giudizi sulla passerella

LOCARNESE - È un Lago Maggiore mosso da onde critiche che si scontrano con correnti favorevoli, quello su cui si vorrebbe realizzare la passerella galleggiante per collegare Ascona al Parco botanico delle Isole di Brissago. Diverse le osservazioni – che sollevano punti interrogativi, dubbi, angosce e perplessità su più fronti – inoltrate al Consiglio di Stato durante la fase di informazione al pubblico (conclusasi ieri) del progetto «Wow – Walk on water», promosso, come noto, da un gruppo di imprenditori già attivi in Ticino.

Oltre a impatto ambientale e sicurezza, ad essere oggetto delle osservazioni emerse durante i 30 giorni di consultazione (alcune delle quali rese pubbliche sui vari media) anche gestione del traffico, del trasporto pubblico, dei rifiuti, organizzazione logistica e problemi legati a fenomeni naturali. Insomma, i venti che soffiano sulle acque del Verbano sembrerebbero presagire un clima teso. Le nuvole formatesi dalle critiche, comunque, non preoccupano più di tanto i promotori della pedana (che sarà lunga 3,2 chilometri e larga 14 metri): «Siamo ottimisti e positivi», ribadisce al CdT Benjamin Frizzi, portavoce del gruppo di imprenditori, ricordando che «durante la fase di progettazione è stato ponderato ogni singolo fattore, nel rispetto delle normative vigenti e tenendo in considerazione anche eventuali problematiche legate al traffico, ai rifiuti e all'impatto ambientale». Se dalle osservazioni e dalle proposte emergeranno ancora degli elementi da chiarire, «siamo disponibili a farlo». In ogni caso, sottolinea il nostro interlocutore, «attendiamo di avere sul tavolo tutte le considerazioni (la consultazione si è conclusa ieri, ma a fare stato è la data del timbro postale, ndr), per poi valutare se e in che modo apportare delle eventuali modifiche al progetto». L'opera – che prevede un investimento tra i 25 e i 30 milioni di franchi, interamente a carico di privati – «è considerata di interesse cantonale e ha già accolto il sostegno di diversi enti e associazioni», viene evidenziato nel rapporto di pubblicazione sul progetto. Se tutto andrà secondo i piani dei suoi fautori, la pedana galleggiante potrebbe essere inaugurata già tra un anno.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Locarno
  • 1
    Losone

    «I militari di nuovo in caserma?»

    Alla luce delle necessità di maggiori spazi, palesate dall’esercito svizzero per il 2021, il PPD sonda la possibilità di riaprire l’ex piazza d’armi – «Un’occasione d’oro, da cogliere al volo»

  • 2
    Locarno

    Isole di Natale e Instagram, la Città non rinuncia alla magia

    Alberi e alberelli in vari quartieri, aree a tema in piazza e più luminarie per sopperire all’assenza della pista – Grazie agli allievi della scuole comunali allestito un calendario dell’Avvento virtuale che ogni giorno regalerà una sorpresa

  • 3
  • 4
    Locarno

    «Piazza Grande un bene di tutti e da proteggere»

    Comitato e gruppo territorio e ambiente del PS cittadino entrane nel dibattito sulla richiesta di aprire di nuovo alle auto il centro e chiedono, invece dei parcheggi, misure concrete per rivitalizzarlo

  • 5
    Locarnese e Vallemaggia

    «Fartiamo» verso il 2021

    Le Ferrovie autolinee regionali ticinesi pronte per il cambio di orario del 13 dicembre: più corse e nuove linee – Attivato un sito internet con tutte le novità previste

  • 1