logo

Grotta Bossi accessibile da giugno

Dopo il tragico incidente del 9 gennaio 2016 in cui perse la vita un sub italiano, direttive più severe per il rilascio delle autorizzazioni d'accesso

Maffi
 
31
maggio
2017
06:05
NA.LI.

LUGANO - A esattamente un anno e cinque mesi dalla sua chiusura in via precauzionale dopo la morte di un sub italiano, la grotta di Böss di Arogno – anche nota come Bossi – verrà riaperta venerdì 9 giugno. La sezione ticinese della Società svizzera di speleologia (SSS) ha ultimato il regolamento, commissionato dalle Aziende Industriali di Lugano (proprietarie della sorgente) subito dopo il tragico incidente del 9 gennaio 2016. Le nuove direttive sensibilizzano gli esploratori che vorranno accedere alla zona e addentrarsi nei cunicoli del monte Generoso sui rischi a cui andranno incontro. Speleologi e subacquei saranno quindi invitati a compilare un formulario in cui indicare, tra le altre cose, il proprio livello di preparazione e le motivazioni della visita. Verrà inoltre richiesto di firmare una dichiarazione di scarico di responsabilità. Potranno accedere alla grotta solo coloro che adempiranno a tutti i requisiti elencati nel regolamento, compreso l'obbligo di avere un'assicurazione apposita per questo genere di attività. Come in precedenza, l'amministrazione è gestita dal Comune di Arogno, custode della chiave del cancello di entrata alla sorgente.

Articoli suggeriti

Arogno, "Era vicino alla salvezza"

Il celebre speleosub Luigi Casati racconta il recupero di Giancarlo Borgio, morto durante un'immersione nella grotta Bossi ad Arogno

Edizione del 22 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top