logo

Chiesti 5 anni e mezzo per l'ex docente molestatore

L'imputato, che ammette i fatti, è accusato di atti sessuali con la figlia minorenne e di aver toccato le sue allieve in una scuola del Sottoceneri

CdT
 
17
aprile
2018
10:24
LU.P.

LUGANO (aggiornato alle 12) - Cinque anni e sei mesi è la richiesta di pena avanzata dalla procuratrice pubblica Chiara Borelli per il docente delle scuole professionali a processo questa mattina alle Assise criminali di Locarno in Lugano accusato di atti sessuali con la figlia, ma anche (seppur in questo caso si tratti di toccamenti) su una quarantina di allieve. 

Durante la sua requisitoria la pp ha sottolineato il rapporto speciale costruito negli anni con la figlia, condito poi di diversi moniti, che ha impedito così ogni resistenza quando dalle normali coccole si passò ad altro. Per quanto riguarda i toccamenti alle allieve, invece, la procuratrice ha spiegato che non vanno ritenuti semplici molestie, poiché commessi su minorenni e perché una sensazione di viscido ancora oggi rimane nelle vittime. L'avvocato della difesa Sandra Xavier ha chiesto invece un massimo 4 anni, facendo leva "sulla collaborazione dell'imputato e sul suo sincero pentimento".

Le accuse

L'ex docente del Locarnese deve rispondere di ripetuta coazione sessuale, atti sessuali con fanciulli e pornografia dura. L'imputato, che sostanzialmente ammette i fatti, è accusato di aver esercitato questi atti sulla figlia minorenne, nonché di aver toccato in una quarantina di occasioni e sull'arco di più anni delle sue allieve in una scuola del Sottoceneri. A presiedere la Corte il giudice Mauro Ermani, l'accusa è sostenuta dalla procuratrice pubblica Chiara Borelli, mentre l'imputato è difeso dall'avvocato Sandra Xavier.

Prossimi Articoli

Gravi ferite per la giovane che ha mancato la piscina

La 19.enne svizzera è atterrata sul prato dopo un volo di circa 4 metri - L'infortunio è avvenuto a Curio, la vita della ragazza non sarebbe in pericolo

Con le targhe “sbagliate” e senza patente si danno alla fuga

Un 42.enne italiano e una 28.enne turca, entrambi domiciliati nel Luganese, sono stati fermati questa notte a Melide dopo essere sfuggiti a un controllo

Argo1: ex agente indagato anche in Italia

Il Tribunale penale federale concede l'assistenza giudiziaria alla vicina Penisola - L'uomo aveva fatto propaganda jihadista in Ticino e aiutato dei foreign fighters a raggiungere i territori dello Stato islamico

Edizione del 16 luglio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top