logo

Come ti ristrutturo una scuola

Il progetto decennale di risanamento delle Elementari di Tavesio a Comano sta per entrare nella fase progettuale, ma siamo solo a metà del guado

archivio Maffi
 
11
agosto
2018
06:00
StF

COMANO - L'edificio che ospita le scuole elementari di Comano può essere paragonato a un vestito che comincia a stare stretto a un bambino che nel frattempo è cresciuto. Vestito che, oltretutto, si è pure sgualcito. Il che pone il genitore a un bivio: armarsi di ago e filo e adattarlo alle nuove forme del bambino, oppure comprarne un altro? Genitore che, peraltro, non si è fatto cogliere totalmente di sorpresa e ha avuto il tempo di pianificare, anche se forse il bambino è cresciuto più in fretta del previsto.

È infatti nel 2012 che il Municipio di Comano ha iniziato a pensare a questa eventualità, e di recente ha richiesto al Consiglio comunale di approvare un investimento da 300.000 franchi per imbastire un concorso di progetti per ristrutturare l'edificio: il primo fondamentale passo per arrivare fra qualche anno al credito di costruzione, che sarà di massimo otto milioni.

Ma facciamo un passo indietro. Quanto ci vuole a restaurare una scuola elementare? Nel caso di Comano, oltre dieci anni, se tutto filerà liscio.

L'attuale edificio era stato costruito in zona Tavesio nel 1969 e si componeva di quattro aule scolastiche, un'aula speciale, l'aula magna e la palestra. Oggi, quasi cinquant'anni dopo, l'aula magna è stata convertita in due aule supplementari e il Municipio ha acquistato con una certa urgenza negli scorsi mesi dieci moduli prefabbricati per crearne altre due e garantire gli spazi necessari agli alunni per il prossimo anno scolastico. La palestra è piccola e non è più a norma di sicurezza, e l'edificio tutto necessita di un restauro integrale.

Che fare? Ristrutturare o demolire (a malincuore) e ricostruire? La risposta il Comune l'ha trovata prima in una perizia commissionata nel 2012 alla SUPSI – che ha confermato che l'edificio è effettivamente da risanare dal punto di vista strutturale e funzionale – e poi in uno studio di fattibilità del 2016 commissionato a un team di specialisti coordinati dallo studio LANDS Architetture. Studio che ha permesso all'Esecutivo di identificare quattro punti fermi da cui partire per decidere come procedere.

Prossimi Articoli

Il Palazzo dei Congressi tra passato e presente

Ecco gli scatti più bello scelti dall'archivio fotografico del Corriere del Ticino - Queste fotografie sono pubblicate anche sul profilo Instagram @corrieredelticino

Ad Agno volati via 11 mila franchi

Fanno discutere le sei ore di chiusura dello scalo per un aereo atterrato con difficoltà - Poteva rimuoverlo Lugano Airport, ma un ispettore federale ha voluto chiamare il TCS

Il tram non c’è ancora, ma chiede la precedenza

Consorzio depurazione di Lugano costretto a deviare un cunicolo che incrocia i futuri binari - Intanto servono quindici milioni per sostituire due tubi che portano le acque scure a Bioggio

Edizione del 19 novembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top