logo

Nove indagati per un riciclaggio a sei zeri

Primo processo di una serie al Tribunale penale federale: alla sbarra un'operatrice finanziaria ticinese che avrebbe aiutato una famiglia di pregiudicati italiani a lavare del denaro

archivio CdT
 
14
settembre
2018
06:00

BELLIZONA - È iniziata al Tribunale penale federale di Bellinzona una serie di processi relativi a presunti riciclaggi milionari a opera di una famiglia di pregiudicati italiani, i Magnone. Ieri in aula vi era un'operatrice finanziaria ticinese accusata di aver favorito parte del loro lavaggio di denaro tramite una società a Lugano dietro cui in realtà si nascondeva il capofamiglia. La sentenza è attesa a giorni.

La donna era accusata di avere riciclato tramite almeno 25 transazioni a beneficio di Paolo Magnone (il capofamiglia) oltre 200.000 franchi. Di queste, però, per 23 è nel frattempo subentrata la prescrizione. Se la sentenza non cadrà oggi verrà inoltre prescritto un ulteriore prelievo, e se la donna verrà in effetti condannata (la difesa ne chiede il proscioglimento), lo sarà per un singolo prelievo da mille franchi.

Prossimi Articoli

Il Palazzo dei Congressi tra passato e presente

Ecco gli scatti più bello scelti dall'archivio fotografico del Corriere del Ticino - Queste fotografie sono pubblicate anche sul profilo Instagram @corrieredelticino

Ad Agno volati via 11 mila franchi

Fanno discutere le sei ore di chiusura dello scalo per un aereo atterrato con difficoltà - Poteva rimuoverlo Lugano Airport, ma un ispettore federale ha voluto chiamare il TCS

Il tram non c’è ancora, ma chiede la precedenza

Consorzio depurazione di Lugano costretto a deviare un cunicolo che incrocia i futuri binari - Intanto servono quindici milioni per sostituire due tubi che portano le acque scure a Bioggio

Edizione del 19 novembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top