A 25 anni dalla nascita dell’autogestione a Lugano

La presa dei Molini Bernasconi

Il 12 ottobre 1996, in un Ticino distratto dai Mondiali di ciclismo, un gruppo di autonomi occupò l’edificio abbandonato dando il via a un movimento che resiste da un quarto di secolo - «A Lugano per i giovani, a parte il mainstream, non c’era nulla»

A 25 anni dalla nascita dell’autogestione a Lugano
© KEYSTONE/Karl Mathis

A 25 anni dalla nascita dell’autogestione a Lugano

© KEYSTONE/Karl Mathis

Dodici ottobre 1996. Il Ticino era completamente immerso nei Mondiali di ciclismo. Si stavano festeggiando gli ori di Alex Zülle e Barbara Heeb e - elemento importante - tutte le forze dell’ordine disponibili nel nostro cantone erano impegnate a preparare la gara in linea del giorno seguente: quella in cui Mauro Gianetti perse in volata sul rettilineo di Cornaredo. È in questo contesto che, a un paio di chilometri di distanza (in via Molinazzo 2 a Viganello), esattamente 25 anni fa iniziava a Lugano l’esperienza dell’autogestione. Dopo un corteo gli autonomi occuparono gli ex Molini Bernasconi. La settimana prima, a Bellinzona, era stata occupata casa Cinzia. Venticinque anni di storia. Controversa e discussa, sì, ma non ancora conclusa. Una storia che Olmo Cerri - documentarista - ha voluto...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1