«A Breganzona manca una visione d’insieme»

Verde pubblico

Uno studio commissionato dall’associazione di quartiere pone in risalto come e perché valorizzare questi spazi sul territorio - Il presidente Rolf Endriss: «Con il Municipio vogliamo anche realizzare, non solo dialogare»

«A Breganzona manca una visione d’insieme»
Uno scorcio su Piazza Architetto Carlo Frasca a Breganzona. © CdT/Gabriele Putzu

«A Breganzona manca una visione d’insieme»

Uno scorcio su Piazza Architetto Carlo Frasca a Breganzona. © CdT/Gabriele Putzu

«A Breganzona manca una visione d’insieme»
Una veduta panoramica aerea su Piazza Architetto Mario Chiattone a Breganzona. © CdT/Gabriele Putzu

«A Breganzona manca una visione d’insieme»

Una veduta panoramica aerea su Piazza Architetto Mario Chiattone a Breganzona. © CdT/Gabriele Putzu

Uno studio sugli spazi verdi pubblici di Breganzona per vedere l’effetto che fa. Su chi? E perché uno studio? Per rispondere a queste due domande abbiamo contattato Rolf Endriss, presidente di Vivi Breganzona, l’associazione pro loco creata nel 2010 per coordinare i molteplici eventi di carattere educativo, sociale, culturale e sportivo che caratterizzano la vita della comunità e per svolgere nello stesso tempo il ruolo di interlocutore con le Autorità della città di Lugano.

Endriss ci spiega che l’idea di commissionare lo studio si è sviluppata nel corso degli anni, «in un dialogo continuo con i cittadini e le diverse associazioni attive nel quartiere. Abbiamo anche stilato regolarmente dei documenti e organizzato incontri con la Città». «Dialoghi sempre molto belli e cordiali, - prosegue...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1