A Lugano c'è un'ape che aiuta le famiglie in difficoltà

Dal 4 al 21 dicembre verranno raccolti e poi distribuiti generi alimentari (ma non solo) grazie all'impegno dei volontari dell'Oratorio

A Lugano c'è un'ape che aiuta le famiglie in difficoltà

A Lugano c'è un'ape che aiuta le famiglie in difficoltà

LUGANO - L'Oratorio di Lugano riattiva l'operazione #ApeDelCuore, che intende portare solidarietà alle famiglie in difficoltà.

L'idea è molto semplice: ogni giorno – da martedì 4 a venerdì 21 dicembre – la mitica ape dell'Oratorio sarà posteggiata in piazza San Rocco. E sarà aperta. Chi vorrà potrà riporvi beni alimentari non deperibili o prodotti per l'igiene e per la casa. Ogni sera il team dell'Oratorio porterà il provento della raccolta giornaliera ad una famiglia bisognosa della città.

Un'iniziativa simile si svolge tra l'altro durante la quaresima (non a caso è intitolata "CUOResima"). "L'idea – ci aveva spiegato don Emanuele Di Marco, direttore dell'Oratorio - è nata parlando con i bambini che frequentano l'Oratorio. Discutendo della generosità verso il prossimo, abbiamo riflettuto sulla presenza di poveri anche tra noi: spesso, forse, non ce ne accorgiamo, ma a Lugano sono molte le famiglie che fanno fatica ad arrivare alla fine del mese".

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
    Progetto di massima

    La ciclopista Paradiso-Melide è sempre più vicina

    Il perno dell’«autostrada ciclabile» che collegherà il Luganese al Mendrisotto potrebbe essere messo in cantiere entro il 2025, per un investimento stimato fra i 30 e i 40 milioni di franchi

  • 2
  • 3
    Ambiente ed economia

    Quanto è lontana Lugano dall’indipendenza energetica?

    Per molti il passaggio dai combustibili fossili al fotovoltaico indica l’alba di una nuova rivoluzione industriale - Ma la nostra regione è al passo coi tempi? È pronta alla sfida? In meno di 10 anni la produzione è passata da 2 a 34 gigawattora

  • 4
  • 5
    LUGANO

    Il Molino fa ricorso a modo suo

    Il centro autogestito fa sapere che non adirà le vie legali contro lo sgombero deciso dalla Città - Comunque promette battaglia e rifiuta qualsiasi possibilità di confronto con il Municipio attuale - «Sarebbe impraticabile e imbarazzante»

  • 1