A Lugano lo «sciopero» della Lega è finito

città

Termina dopo tre mesi la protesta dei 4 membri della Commissione delle petizioni - Una mossa politica, segnalata alla Sezione degli Enti locali, che tra le conseguenze ha visto un calo nella preparazione dei rapporti e più carico di lavoro per gli altri commissari

A Lugano lo «sciopero» della Lega è finito
© CdT/ Chiara Zocchetti

A Lugano lo «sciopero» della Lega è finito

© CdT/ Chiara Zocchetti

La protesta è terminata. Dopo tre mesi di «sciopero» Gianmaria Bianchetti, Nicholas Marioli, Enea Petrini e Omar Wicht torneranno a occuparsi delle richieste di naturalizzazione a Lugano nella seduta della Commissione delle petizioni in programma la prossima settimana. I quattro consiglieri comunali del gruppo Lega dei Ticinesi-UDC lo hanno comunicato ai loro colleghi giovedì, al termine di una riunione commissariale non riguardante le naturalizzazioni. Sempre giovedì si sono portati a casa nuovi incarti relativi a coloro che stanno cercando di ottenere il passaporto elvetico: due mesi fa avevano consegnato quelli in loro possesso alla Cancelleria affinché fossero assegnati a uno degli altri 9 commissari, che in questo periodo si sono quindi sobbarcati il lavoro.

Nelle scorse settimane, il presidente...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1