A Manno videocamere contro il traffico parassitario

Il Comune vuole posare dei lettori di targhe nel nucleo contro i furbetti della colonna – "Ci sono già i cartelli, ma sono bellamente ignorati"

A Manno videocamere contro il traffico parassitario
Una veduta aerea del nucleo di Manno, in cui si scorge l'angusta strada che taglia il Paese.

A Manno videocamere contro il traffico parassitario

Una veduta aerea del nucleo di Manno, in cui si scorge l'angusta strada che taglia il Paese.

MANNO - Per contrastare il traffico parassitario nel nucleo, Manno intende posare videocamere di sorveglianza dotate di lettori di targhe. Il Consiglio comunale è chiamato ad accettare la proposta – l'investimento è quantificato in 120.000 franchi – nella seduta del 17 dicembre.

Il problema dei furbetti della colonna, ci ha spiegato il sindaco Giorgio Rossi, si è acuito negli ultimi anni, anche a causa dell'aumento del traffico sulla sottostante via Cantonale, all'uscita dell'autostrada di Lugano Nord. Il transito attraverso il nucleo di Manno permette potenzialmente di schivare le code nella tratta fra Gravesano e il Cairello.

Il problema è che la via che transita in paese (Strada Bassa che poi confluisce su Strada Regina) è angusta e l'incrocio tra vetture difficoltoso. «Questo crea disagi ai pedoni, e peggiora notevolmente la qualità di vita degli abitanti», si legge nel messaggio municipale.

Già ora il nucleo è definito come zona d'incontro a velocità massima 20 km/h, e dei cartelli segnalano che l'accesso non è permesso in determinati orari ai non residenti: «Ma è come non averli – ha affermato laconico Rossi. – Sono bellamente ignorati».

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2
  • 3
    L’analisi

    Malattia mentale, terrorismo o un mix dei due?

    L’accoltellamento di Lugano porta alla luce anche da noi un dilemma noto nelle città colpite dai lupi solitari - Esperti spiegano i motivi che portano gli estremisti a reclutare persone deboli: «La religioni spesso c’entra poco»

  • 4
    Lugano

    Dalle condanne alle indennità per la sommossa all’USI

    La Corte d’Appello annulla a causa di irregolarità procedurali la sentenza nei confronti di cinque persone - È il terzo procedimento legato ai fatti del 31 gennaio 2012: finora c’è stata solo una condanna a una pena pecuniaria sospesa

  • 5
    eventi

    Il mercatino di Natale di Lugano ci sarà

    La decisione del Municipio, che intende consentire «alla popolazione di vivere, seppur con delle restrizioni, l’atmosfera natalizia» - Allestito un preciso piano di protezione per evitare i contagi

  • 1