Accoltellamento alla Manor, chiesta assistenza agli USA

Lugano

Gli inquirenti sono vicini alla conclusione delle indagini ma attendono i risultati della rogatoria avviata negli Stati Uniti per ottenere l’accesso al profilo Facebook dell’imputata - La difesa contesta l’accusa di tentato assassinio e la matrice jihadista

Accoltellamento alla Manor, chiesta assistenza agli USA
© CdT/Chiara Zocchetti

Accoltellamento alla Manor, chiesta assistenza agli USA

© CdT/Chiara Zocchetti

Il Ministero pubblico della Confederazione sembra essersi fatto un’idea piuttosto chiara di quanto accaduto il 24 novembre all’interno della Manor, quando una donna di 28 anni ferì con un coltello due clienti del grande magazzino. Stando a nostre informazioni l’inchiesta, condotta dalla procuratrice federale Elisabetta Tizzoni, si starebbe avviando verso la conclusione. Prima del rinvio a giudizio le parti sono però ancora in attesa dei risultati di una rogatoria che l’Ufficio federale di giustizia ha avviato negli Stati Uniti per ottenere l’accesso ai profili che la donna dispone sui social network (Facebook, Instagram e Twitter hanno tutti sede in California, e lo stesso dicasi di Google qualora la donna utilizzasse Gmail quale servizio di posta elettronica). Accesso ai social che - si presume...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1