Il caso

Ad Agno oltre cento firme per salvare un pino

Una petizione chiede di non abbattere la pianta in un cantiere di via Ponte Vecchio: il pino è salvo ma «la raccolta firma non c’entra»

Ad Agno oltre cento firme per salvare un pino
Il pino che si vuole salvare. (Foto Gabriele Putzu)

Ad Agno oltre cento firme per salvare un pino

Il pino che si vuole salvare. (Foto Gabriele Putzu)

Ad Agno oltre cento firme per salvare un pino
Foto Gabriele Putzu

Ad Agno oltre cento firme per salvare un pino

Foto Gabriele Putzu

Ad Agno oltre cento firme per salvare un pino
Scorci del parco fra i due palazzi di via Borgo Vecchio prima del taglio deciso per lasciar spazio a un parcheggio. (Foto Gabriele Putzu)

Ad Agno oltre cento firme per salvare un pino

Scorci del parco fra i due palazzi di via Borgo Vecchio prima del taglio deciso per lasciar spazio a un parcheggio. (Foto Gabriele Putzu)

Ad Agno oltre cento firme per salvare un pino

Ad Agno oltre cento firme per salvare un pino

Ad Agno oltre cento firme per salvare un pino

Ad Agno oltre cento firme per salvare un pino

AGNO - Dopo la polemica scoppiata a Bellinzona qualche giorno fa quando la Città ha annunciato che, per rifare il look a Viale Stazione, stava valutando di tagliare un centinaio di tigli, e le lamentele per l’eliminazione delle piante in zona stazione FFS a Lugano, si torna a parlare dell’abbattimento di alberi. Tema sempre più caro alla popolazione della Svizzera italiana, la sensibilità...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Lugano
  • 1