Aeroporto di Agno: parlare di chiusura non è più un tabù

Aviazione

Marco Borradori menziona per la prima volta la possibilità che l’aeroporto possa chiudere definitivamente - Sono i giorni più bui nella storia dello scalo luganese e c’è chi inizia a puntare il dito contro i responsabili

 Aeroporto di Agno: parlare di chiusura non è più un tabù
(Foto Putzu)

Aeroporto di Agno: parlare di chiusura non è più un tabù

(Foto Putzu)

LUGANO/AGNO - Sono i giorni più drammatici della storia dell’aeroporto di Lugano. L’ora più buia, come direbbe Winston Churchill. Più buia perfino di quando, nell’aprile del 1963, l’allora proprietario Alfons Müller-Wipperfürth decise di chiuderlo. Più buia di quando nel 2001 il grounding di Swissair dilaniò il mondo dell’aviazione elvetica e più buia di quando, nel 2017, restò a terra anche la compagnia di riferimento dello scalo: Darwin Airline. Tanto buia che l’altro giorno il presidente del CdA di Lugano Airport (e sindaco di Lugano) Marco Borradori ha detto una cosa che è sempre stata un tabù (per alcuni addirittura una bestemmia): «Io non escludo in questo momento che la soluzione migliore potrebbe essere anche quella di definire un certo periodo per permettere all’aeroporto di regolarsi e trovare una fine, diciamo così, definitiva». Una dichiarazione rilasciata alla RSI (ma che la sera prima aveva detto anche a noi a microfoni spenti) che incarna alla perfezione la disperazione del momento. È probabilmente giunta l’ora - sembra dire Borradori - di pensare anche a una exit strategy. Alla chiusura dello scalo, perlomeno così come lo conosciamo oggi. Sembrano le parole di chi l’aeroporto lo critica da anni - socialisti e verdi in primis - e invece arrivano da colui che, da quando è stato nominato alla testa dello scalo, maggiormente si è impegnato per garantirne un futuro. Ma il comunicato stampa di Zimex (cfr. Il CdT di sabato) è stato l’ultima mazzata, e ora occorrerà capire se è stata la mazzata definitiva. In poche righe Zimex - che rappresentava l’ultima speranza di ripristinare il volo per Ginevra - è riuscita a mettere in dubbio il futuro dei voli di linea in Ticino.

L’asso nella manica e il Ceneri

La stessa Zimex che ormai da più di un anno i vertici dell’aeroporto descrivevano come «l’ipotesi più fattibile e rapida» per la ripresa del collegamento tra Agno e Cointrin. E non solo tra Agno e Cointrin. Con Swiss che pochi giorni fa annunciava un possibile disimpegno (sulla rotta Lugano-Kloten) con l’apertura del tunnel del Ceneri, Zimex era stata una sorta di asso che i vertici dell’aeroporto avevano estratto dalla manica per tranquillizzare un po’ tutti. «Non ci sarà più Swiss? No problem, voleremo anche su Zurigo con Zimex». E invece no. Non allo stato attuale delle cose almeno.

Lo spiraglio

Non trovando una compagnia aerea disposta a volare da Agno (Darwin e SkyWork sono fallite, Swiss ha prima detto di non voler impegnarsi a volare su Ginevra e poi ha messo in discussione perfino il volo su Zurigo) i vertici di Lugano Airport avevano costruito un piano - che tra l’altro sorreggeva l’intero progetto di rilancio da 50 milioni di franchi - che prevedeva la messa in funzione di un volo in proprio: una sorta di compagnia aerea pubblica che avrebbe noleggiato (il termine tecnico è ACMI: aircraft, crew, maintenance and insurance) gli aerei della società zurighese Zimex. Società tra l’altro diretta da un luganese (Daniele Cereghetti), che ora annuncia di non avere intenzione di lanciarsi nel mercato del traffico passeggeri. È la fine? Difficile dirlo. Di sicuro l’ultima parola non è ancora stata detta e - nonostante le affermazioni decisamente pessimiste di Borradori - il CdA farà di tutto per evitare di scongiurare il peggio. Anche perché nelle sue dichiarazioni il sindaco di Lugano uno spiraglio l’ha lasciato. Borradori ha sì detto «io non escludo che la soluzione migliore potrebbe essere quella di definire un certo periodo per permettere all’aeroporto di regolarsi e trovare una fine», ma ha poi anche aggiunto «oppure un inizio con terzi, con i privati, ad esempio».

Aviazione privata?

L’ipotesi di cedere l’aeroporto dunque - che si concentrerebbe così sull’aviazione privata - torna a diventare concreta. Occorrerà comunque capire - tra le tante cose - quale sarebbe in questo caso il destino della torre di controllo. Senza voli di linea infatti la Confederazione molto probabilmente potrebbe non concedere più i milionari finanziamenti destinati alla presenza ad Agno di SkyGuide. Ma questo è un problema che, semmai, si presenterà qualora Swiss dovesse davvero rinunciare al volo per Zurigo. Ci sono questioni più urgenti. La prima è la ricapitalizzazione dell’aeroporto. In ottobre il Consiglio comunale di Lugano sarà chiamato a decidere sul versamento di 3,6 milioni per sistemare l’azienda (e di altri 1,38 milioni per la copertura delle perdite) e come visto nell’edizione di sabato il sostegno politico a questa richiesta inizia a farsi meno scontato. Assodato l’appoggio della Lega, è comunque difficile immaginare che PPD e PLR (per quanto scettici e critici) decidano di non dare il via libera alla ricapitalizzazione e, de facto, condannare l’aeroporto a morte certa entro fine anno. Ma il piano di rilancio è un’altra storia e, in queste condizioni, ben difficilmente verrà approvato (lo stesso vale per l’ipotesi di aumentare la partecipazione azionaria del Cantone dal 12,5 al 40%?). I vertici dell’aeroporto lo sanno bene, ed è anche in questo contesto che vanno lette le dichiarazioni di Borradori.

È già caccia alle colpe

Intanto, ulteriore sintomo di quanto la situazione sia tesa, è già iniziata la caccia alle colpe. Il direttore Maurizio Merlo ha puntato il dito su chi ha gestito l’aeroporto in passato, dicendo che se si è arrivati a questa situazione è perché non si è mai fatto quello che andava fatto (allungare la pista per esempio, o installare un nuovo sistema di avvicinamento). E anche questo non è un buon segno.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1