Aeroporto tra record e ricorsi «incomprensibili»

LUGANO

Giugno è stato un ottimo mese a livello di voli e cifra d’affari, il migliore degli ultimi quattro anni - Rimangono però le incertezze sul passaggio della struttura ai privati dopo l’ultimo reclamo contro la procedura, che ha spiazzato il Municipio

Aeroporto tra record e ricorsi «incomprensibili»
Oltre gli ostacoli.  (Foto Zocchetti)

Aeroporto tra record e ricorsi «incomprensibili»

Oltre gli ostacoli.  (Foto Zocchetti)

In cielo va tutto bene, a terra meno. Parliamo dell’aeroporto di Agno, diviso tra gli ottimi risultati ottenuti negli ultimi mesi e il garbuglio che si è creato attorno alla procedura per il passaggio dello scalo ai privati. Iniziamo dai risultati, con lo scorso giugno che ha fatto registrare un record a livello di voli e cifra d’affari. «È il miglior mese da quattro anni a questa parte – rivela Filippo Lombardi, municipale di Lugano responsabile del dossier – e luglio sta viaggiando sugli stessi livelli. Ciò significa che lo scalo vive, ed è in salute». Significa anche che il Municipio, se le cose continueranno ad andar bene, non dovrà chiedere al Consiglio comunale un nuovo credito per i salari dei dipendenti rimasti ad Agno dopo la liquidazione di Lugano Airport: un grattacapo politico in...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Un luogo per rallentare la demenza

    Manno

    La Croce Rossa ha ampliato il Centro diurno e ora offre la possibilità ai suoi ospiti di mantenere il più a lungo possibile le capacità intellettive e cognitive attraverso cure e terapie specifiche e anche una nuova stanza multisensoriale

  • 2
  • 3

    Spray urticante e proiettili di gomma al Parco di Villa Saroli

    lugano

    Testimoni anonimi parlano di «violenza gratuita» nell’intervento degli agenti volto a fermare una festa illegale - Ma la Polizia nel comunicato sottolinea la «conformità ai protocolli vigenti e il rispetto dei principi di proporzionalità»

  • 4
  • 5

    L’auto con Eitan fermata dalla polizia prima del volo

    Il caso

    Lo rivela il Corriere della Sera, secondo cui le autorità avrebbero svolto un normale controllo identificando gli occupanti – La Polca però nega: «Dalle verifiche esperite al nostro interno non risulta che la Polizia cantonale abbia mai controllato le persone oggetto dell’articolo»

  • 1
  • 1