«Alcolismo: il contatto umano prima di tutto»

Dipendenze

Jann Schumacher racconta il centro residenziale di Ingrado a Cagiallo, che ha diretto per 22 anni

«Alcolismo: il contatto umano prima di tutto»
(Foto Putzu)

«Alcolismo: il contatto umano prima di tutto»

(Foto Putzu)

LUGANO - Ha diretto il Centro residenziale di Ingrado a Cagiallo dalla sua apertura fino a pochi giorni fa. Ora Jann Schumacher ha lasciato l’incarico per intraprendere altre attività, ma l’emozione per l’addio dopo 22 anni in cui ha condiviso storie e vissuti di chi è confrontato con la dipendenza dall’alcol e con il team di operatori che se ne occupano è forte. Abbiamo incontrato Schumacher che ci ha raccontato la sua esperienza e la realtà del centro nato nel 1997, che tutt’oggi è l’unico del suo genere in Ticino.

Di formazione psicologo, lei è specializzato nelle problematiche legate alle dipendenze: qual è stato il suo percorso professionale che l’ha portata a dirigere il centro di Cagiallo?

«Ho iniziato ad occuparmi di alcolismo lavorando in ambulatorio per l’allora Servizio ticinese...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1