Amanti violenti, ecco la sentenza

Il 25.enne colombiano prosciolto dall'accusa di tentato omicidio intenzionale, ma dovrà espiare 16 mesi di carcere - Per la donna una pena pecuniaria sospesa

Amanti violenti, ecco la sentenza

Amanti violenti, ecco la sentenza

LUGANO - Sedici mesi da espiare e una multa di 600 franchi. Questa la pena emessa oggi dalla Corte delle Assise criminali di Lugano a carico del 25.enne colombiano che la notte del 7 aprile di quest'anno aggredì l'allora compagna con calci e pugni, per poi afferrarle il collo e sollevarla di peso. L'uomo è stato prosciolto dalla principale accusa di tentato omicidio intenzionale, ma riconosciuto colpevole di ripetute lesioni semplici, vie di fatto, minaccia, infrazione e contravvenzione alla legge federale sugli stupefacenti. "Quello che ha fatto alla sua ex compagna è ignobile" ha sottolineato il giudice Marco Villa.

Anche la donna, che era fuggita in auto con l'uomo sul cofano, è stata prosciolta dalla principale accusa di esposizione a pericolo della vita altrui. Per contro la 26.enne è stata sanzionata con una pena pecuniaria sospesa di 15 mila franchi e condannata al pagamento di una multa di 400 franchi per guida in stato di inattitudine, infrazione grave alle norme della circolazione, elusione dei provvedimenti per accertare l'incapacità alla guida, inosservanza dei doveri in caso d'incidente, guida senza autorizzazione e contravvenzione alla legge sugli stupefacenti.

I dettagli in edicola sabato.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1