Ancora in fuga i complici dei due presunti ladri arrestati

Dopo il fermo di martedì si cercano altri responsabili dei numerosi furti ai danni di abitazioni nel Luganese

Ancora in fuga i complici dei due presunti ladri arrestati

Ancora in fuga i complici dei due presunti ladri arrestati

LUGANO - Confermato l'arresto di due uomini a Manno negli scorsi giorni. Come anticipato da CdT.ch i due, fermati il 23 ottobre scorso, sono sospettati di aver messo a segno numerosi furti nel Luganese. In una nota odierna infatti Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che il fermo è stato reso possibile grazie alle segnalazioni della popolazione e alla collaborazione con le Guardie di confine e le Polizie comunali del Vedeggio-Intercomunale, Città di Lugano e Collina d'Oro. 

I due, un 40enne e un 20enne cittadini italiani residenti in Nord Italia, sono accusati di diversi colpi ai danni di abitazioni unitamente ad almeno altre due persone. Il loro fermo è avvenuto in una zona boschiva di Manno al termine di un inseguimento. Il motoveicolo dei correi è tuttora in fuga. Le ipotesi di reato nei loro confronti sono di furto aggravato siccome commesso in banda e per mestiere, violazione di domicilio, danneggiamento e ripetuta grave infrazione alle norme della circolazione stradale. L'inchiesta è coordinata dalla procuratrice pubblica Pamela Pedretti.

Le autorità segnalano inoltre che i membri della banda sono soliti spostarsi a bordo di motoveicoli di grossa cilindrata, indossano sovente caschi di colore giallo fluo e rammentano alla popolazione l'utilità di una pronta segnalazione di persone e veicoli sospetti alla Centrale operativa della polizia cantonale al numero 0848 25 55 55. In caso di veicoli annotare la targa, il colore e il modello.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1